L'Italia chiude un occhio sulle telecamere cinesi negli uffici pubblici
www.wired.it
external-link
L’ultima gara Consip per la videosorveglianza non mette divieti espliciti. In lizza ci sono anche impianti prodotti da Dahua, colosso del Dragone. Che ha una strategia per affrontare gli eventuali paletti alla tecnologia made in China

In assenza di un divieto esplicito, le telecamere cinesi trovano il modo di restare in gara per gli appalti pubblici della videosorveglianza.

«L’ultima gara Consip per la videosorveglianza non mette divieti espliciti. In lizza ci sono anche impianti prodotti da Dahua, colosso del Dragone. Che ha una strategia per affrontare gli eventuali paletti alla tecnologia made in China»

L’articolo di Raffaele #Angius e Luca #Zorloni su #Wired denuncia tutta l’incoerenza o l’ignoranza (o la malafede) di un apparato incapace di comprendere come si subisce l’egemonia tecnologica altrui.

https://www.wired.it/article/telecamere-cinesi-italia-uffici-pubblici-gara-videosorveglianza-dahua-consip/

IΛM0DΛY
link
fedilink
43 mesi

Dal momento che i prodotti sono qualitativamente ben fatti, c’è da riconoscere (almeno io li riconosco) che non sono considerati le solite cinesate… Ma sul fronte della sicurezza devo dire che sono davvero pessimi, ma per motivi di legge del paese d’origine e non altro. Eppure anche noi abbiamo eccellenze made-in-Italy come Spark Security e Sicuritalia, ma sembra che le loro soluzioni non abbiano i requisiti e le conformità dove in realtà sulla carta le rispecchiano perfettamente sia sul lato qualità che sul lato sicurezza… se non superiori alle soluzioni made-in-China. Purtroppo il vero problema è essere tirchi e dover sempre andare sul risparmio deleterio, che in realtà nessuno ti dà nulla in cambio e bisogna dimenticare questo ragionamento in Italia che non fa altro che buttare i nostri soldi nel cesso la maggior parte delle volte.

@UprisingVoltage
link
fedilink
13 mesi

C’è qualcuno da mail-bombare o comunque a cui dimostrare il proprio dissenso per questa faccenda (se è scritto nell’articolo mi scuso perché non l’ho ancora letto)?

@poliverso
admin
creator
link
fedilink
33 mesi

Credo che purtroppo sia tardi per fare azioni di questo tipo. Forse potrebbe essere utile un’interrogazione parlamentare.

@poterealpopolo @misterti avete
C’è lavoro per voi (anche se l’altra interrogazione non è ancora stata risposta per quanto ne sappia)

@poliverso @UprisingVoltage

MisterTi
link
fedilink
23 mesi

@amreo
Anche io la vedo difficile un’interrogazione, specialmente perché come dice l’articolo stesso non ci sono prove di un uso improprio delle videocamere da parte del governo della Repubblica Popolare. Inoltre politicamente, imho, è sottile la differenza tra norme a tutela della privacy e, in questo caso, norme a tutela del prodotto nazionale/europeo/statunitense in una logica di concorrenza…
@poterealpopolo @poliverso @UprisingVoltage

Informa Pirata
link
fedilink
33 mesi

@misterti In realtà nel caso della crociata che si è fatta contro Kaspersky c’erano ancora meno prove, ma è stato fatto molto di peggio. E comunque un’interrogazione parlamentare non deve avere prove, ma necessita anche solo di una semplice notizia, di un’inchiesta, di un reportage.
Il problema è che nel caso di Kaspersky, e quindi contro la Russia, c’è il “liberi tutti”, un po’ come quando il bulletto di turno dà il permesso a tutta la sua cricca di pestare a sangue il compagno sfigato. A quel punto tutti iniziano a picchiarlo, dai compagni più violenti a quelli più miti, da quelli che già perseguitavano il bimbo sfigato a quelli che fino a due minuti prima erano i suoi “migliori” amichetti (sfigati).
Con la Russia invece è diverso… ora in parlamento vi sono diversi partiti che hanno un rapporto molto buono con la Cina e altri che preferiscono non avere un rapporto cattivo.
Ecco perché la Cina deve far paura molto più di quella sorta di stato-mafia che è la Russia di Putin…

@poterealpopolo @poliverso @UprisingVoltage @amreo

MisterTi
link
fedilink
23 mesi

@informapirata
Non conosco, se non per sommi capi, la storia di Kaspersky, ma per quello che ricordo sostanzia ulteriormente i miei dubbi: in un paese dove ogni pianificazione seria in materia di sicurezza digitale è bandita, il tema viene agitato o ignorato per questioni che non hanno a che vedere con l’oggetto specifico.
@amreo @poterealpopolo @poliverso @UprisingVoltage

IΛM0DΛY
link
fedilink
33 mesi

Ovviamente finché non succede il disastro, come funziona qui in Italia

@UprisingVoltage
link
fedilink
33 mesi

Situazione veramente assurda comunque

Etica Digitale è un gruppo volontario indipendente di ragazzi e ragazze con l’intento di riportare la persona e i diritti al centro del dibattito tecnologico.

Se fatto nel rispetto del regolamento, ogni contributo è benvenuto!

Regolamento:

  1. Rispetto e cordialità sempre
  2. Niente troll
  3. Niente pubblicità
  4. Evitare di andare fuori tema nelle discussioni
  5. Evitare discorsi con sfondi politici o propagandistici che non siano strettamente correlati agli argomenti trattati
  6. No attività illegali
  7. Non importunare le e gli utenti in privato.

Alcune informazioni utili:
🔹 Sito: eticadigitale.org
📧 Email: etica.digitale@mailfence.com
🦣 Mastodon
📣 Telegram (canale)
👥 Telegram (gruppo)

  • 0 users online
  • 2 users / day
  • 5 users / week
  • 21 users / month
  • 64 users / 6 months
  • 132 subscribers
  • 147 Posts
  • 174 Comments
  • Modlog