Pompeo: Sources for Yahoo News WikiLeaks report 'should all be prosecuted'
news.yahoo.com
external-link
Former CIA director Mike Pompeo on Wednesday called for the criminal prosecution of sources who spoke to Yahoo News for a story detailing proposals by the intelligence agency in 2017 to abduct WikiLeaks founder Julian Assange and discussions within the Trump administration and CIA to possibly even assassinate him.

Link: news.yahoo.com/pompeo-sources-…

L’ex direttore della CIA ed ex segretario di Stato Mike Pompeo mercoledì ha chiesto il perseguimento penale delle fonti che hanno parlato con Yahoo News per una storia che descrive in dettaglio le proposte dell’agenzia di intelligence nel 2017 per rapire il fondatore di WikiLeaks Julian Assange e le discussioni all’interno dell’amministrazione Trump e della CIA per forse anche assassinarlo.

A Pompeo, apparso sul podcast di Megyn Kelly , è stato chiesto di rispondere alla storia di Yahoo News , che si basava su interviste a 30 ex funzionari dell’intelligence statunitense e della sicurezza nazionale a conoscenza degli sforzi del governo statunitense contro WikiLeaks.

“Non posso dire molto su questo a parte chiunque quelle 30 persone che avrebbero parlato con uno di questi [Yahoo News] giornalisti - dovrebbero essere tutti perseguiti per aver parlato di attività classificate all’interno della Central Intelligence Agency”, ha detto Pompeo.

Allo stesso tempo, Pompeo ha rifiutato di rispondere a molti dei dettagli nell’account Yahoo News e ha confermato che “parti sono vere”, inclusa l’esistenza di un’aggressiva campagna della CIA per prendere di mira WikiLeaks all’indomani della pubblicazione da parte dell’organizzazione di documenti sensibili cosiddetti Vault 7 che rivelano alcuni degli strumenti e metodi di hacking della CIA.

“Quando i cattivi rubano quei segreti, abbiamo la responsabilità di inseguirli, per impedire che ciò accada”, ha detto Pompeo. “Abbiamo assolutamente la responsabilità di rispondere. … Volevamo disperatamente ritenere responsabili quelle persone che avevano violato la legge statunitense, che avevano violato i requisiti per proteggere le informazioni e avevano cercato di rubarle. C’è un quadro giuridico profondo per farlo. E abbiamo intrapreso azioni coerenti con la legge statunitense per cercare di raggiungere questo obiettivo".

I commenti di Pompeo sono arrivati ​​quando alcuni attivisti per i diritti umani, gruppi per le libertà civili e sostenitori di Assange hanno affermato che le rivelazioni di Yahoo News dovrebbero essere oggetto di indagine e costituiscono un motivo per abbandonare gli sforzi del Dipartimento di Giustizia di estradare Assange da una prigione britannica al fine di affrontare accuse penali negli Stati Uniti per aver pubblicato segreti governativi classificati in violazione dell’Espionage Act dell’era della prima guerra mondiale e per presunta cospirazione per hackerare una rete classificata del governo statunitense.

“Ora sappiamo che questo procedimento penale senza precedenti è stato avviato in parte a causa dei piani davvero pericolosi che la CIA stava prendendo in considerazione”, ha affermato Ben Wizner, direttore del progetto Speech, Privacy and Technology dell’American Civil Liberties Union. “Questo fornisce una ragione in più per il Dipartimento di Giustizia di Biden per trovare un modo tranquillo per porre fine a questo caso”.

Anche Nils Melzner, il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura, ha contribuito alla storia di Yahoo News. “Non si tratta di legge. Si tratta di intimidire il giornalismo; si tratta di sopprimere la libertà di stampa; si tratta di proteggere l’immunità per i funzionari statali", ha dettoin un video che ha pubblicato su Twitter. Il caso di Assange è “divenuto impossibile da ignorare”, ha aggiunto. “E incoraggerei i giornalisti di tutti i media a guardare in profondità questo caso, raccogliere tutte le prove ed esporre la cattiva condotta, perché il pubblico merita di conoscere la verità”.

Sebbene il Dipartimento di Giustizia guidato da due procuratori generali nominati dal presidente Trump abbia intentato un’accusa contro Assange, i pubblici ministeri federali sotto il procuratore generale del presidente Biden, Merrick Garland, stanno continuando a portare avanti il ​​caso. Hanno presentato ricorso contro la sentenza di un giudice britannico all’inizio di quest’anno secondo cui Assange non dovrebbe essere consegnato al governo degli Stati Uniti perché rappresenterebbe un rischio di suicidio in una prigione statunitense.

Mercoledì gli avvocati di Assange avrebbero dovuto presentare risposte alle argomentazioni del Dipartimento di Giustizia e stanno attivamente valutando modi per sollevare questioni di cattiva condotta del governo sulla base in parte di molti dei dettagli nella storia di Yahoo News. Tra questi c’è la rivelazione che all’indomani della fuga di notizie del Vault 7, considerata all’epoca come la più grande perdita di dati nella storia della CIA, Pompeo era infuriato e chiese una campagna su più fronti per smantellare WikiLeaks. Pubblicamente, ha descritto il gruppo come un “servizio di intelligence ostile non statale”. Ma in privato, ha spinto per un’azione aggressiva negli incontri con i massimi funzionari dell’amministrazione Trump, inclusa un’operazione di rapimento per rapire Assange dall’ambasciata ecuadoriana a Londra.

Fonti hanno riferito a Yahoo News che anche alla Casa Bianca e alla CIA si sono discusse su un possibile assassinio, anche se ex funzionari hanno affermato che l’idea di uccidere Assange non è stata presa sul serio. Ma quando gli avvocati della Casa Bianca hanno appreso di alcuni dei piani dell’agenzia contro Assange, in particolare le proposte di consegna di Pompeo, hanno sollevato obiezioni, sfociando in uno dei dibattiti di intelligence più controversi della presidenza Trump.

I commenti di Pompeo sul podcast di Kelly sono arrivati ​​il ​​giorno dopo la sua apparizione sul podcast di Glenn Beck e ha affermato: “Sono tutto incentrato su un Primo Emendamento grande, audace e forte”. Ma la sua richiesta di mercoledì per il perseguimento penale delle fonti che hanno parlato con Yahoo News ha suscitato un forte rimprovero da parte di un membro del team legale di Assange.

“Trovo molto inquietante che la sua reazione sia cercare di impedire che le informazioni sulla cattiva condotta vengano rese note al popolo americano”, ha affermato Barry Pollack, l’avvocato statunitense di Assange.

Wizner, l’avvocato dell’ACLU, ha affermato che i commenti di Pompeo in effetti “hanno appena verificato la verità della storia di [Yahoo News]. Perché l’unico motivo per perseguire qualcuno è che ha rivelato informazioni riservate legittime. … Questo era un giornalismo di interesse pubblico di prim’ordine e la domanda è se il pubblico ha il diritto di sapere che il governo è impegnato in questo tipo di condotta”.

Quando gli è stato chiesto per la prima volta della storia di Yahoo News da Kelly, Pompeo ha risposto: “È una narrativa piuttosto buona”. Ma quando l’ospite gli è stato chiesto se ciò significasse che stava negando ciò che Yahoo News ha riportato, ha riconosciuto che “ci sono parti che sono vere”.

“Stavamo cercando di proteggere le informazioni americane da Julian Assange e WikiLeaks? Assolutamente si. Il nostro Dipartimento di Giustizia credeva che avesse un’affermazione valida che avrebbe portato all’estradizione di Julian Assange per essere processato? Sì. Ho sostenuto quello sforzo, di sicuro. Ci siamo mai impegnati in attività non coerenti con la legge statunitense? Non siamo autorizzati dalla legge statunitense a condurre omicidi. Non abbiamo mai agito in un modo che non fosse coerente con quello. … Non abbiamo mai pianificato di violare la legge statunitense, nemmeno una volta ai miei tempi".

Non ha affrontato nessuno dei dettagli su altre azioni che la CIA stava contemplando, come il possibile rapimento di Assange, o i passi effettivamente presi dall’intelligence statunitense, inclusa la sorveglianza audio e visiva di Assange all’interno dell’ambasciata ecuadoriana o il monitoraggio delle comunicazioni e dei viaggi dei suoi associati attraverso l’Europa.

Ma Pompeo ha contestato una dichiarazione fatta da Trump, che aveva abbracciato WikiLeaks durante la campagna del 2016 dopo aver pubblicato e-mail imbarazzanti del Partito Democratico a Hillary Clinton. Alla domanda di commento nella storia di Yahoo News, Trump ha affermato che Assange è stato trattato “molto male”.

Incalzato da Kelly se fosse d’accordo con quella valutazione, Pompeo ha detto: “No. Assange ha trattato molto male gli Stati Uniti e la sua gente”.

Pirati Europei
!pirati

    Il canale di informazione dedicato ai Pirati Europei e all’Internazionale Pirata

    Gestito dall’associazione Pirati.io

    L’associazione Pirati ripudia il fascismo in tutte le sue forme e si riconosce nei valori antifascisti della Costituzione Italiana

    • 0 users online
    • 1 user / day
    • 1 user / week
    • 11 users / month
    • 39 users / 6 months
    • 86 subscribers
    • 84 Posts
    • 120 Comments
    • Modlog