I DOCUMENTI MOSTRANO I TENTATIVI SU PIÙ FRONTI DEL DIPARTIMENTO DI GIUSTIZIA USA PER MINARE LA SEZIONE 230. L’ARTICOLO DI AARON MACKEY SUL SITO DI EFF

Segnaliamo alla comunità di questo post di @eff

Alcuni documenti mostrano che nell’estate del 2020, il Dipartimento di Giustizia ha monitorato da vicino il dibattito pubblico e congressuale su una legge chiave che protegge la parola degli utenti di Internet, mentre spingeva per indebolire la legge.

Il Dipartimento di Giustizia stava monitorando molteplici sforzi per abrogare o svuotare l’art. 47 USC § 230 (Sezione 230), inclusa l’attuazione dell’ordine esecutivo incostituzionale dell’allora presidente Donald Trump e gli emendamenti proposti dal dipartimento alla legge. Sebbene tutti questi sforzi fossero pubblici, il fatto che il Dipartimento di Giustizia li stesse monitorando da vicino non lo era.

Il DOJ ha anche sviluppato una serie di punti di discussione sugli sforzi di riforma della Sezione 230. Quei punti di discussione includevano un’affermazione secondo cui, poiché “la Costituzione tratta i contenuti criminali e i discorsi legali in modo diverso, anche le piattaforme dovrebbero farlo”. Tale affermazione ignora che molti utenti delle piattaforme non vogliono vedere una serie di discorsi orribili ma protetti che le piattaforme regolarmente moderano . Inoltre, gli intermediari online dispongono di propri diritti garantiti dal Primo Emendamento per decidere quale discorso vogliono ospitare. Questi diritti non aumentano e diminuiscono a seconda che il discorso moderato sia protetto o meno. Proprio come un giornale può decidere autonomamente quali articoli e opinioni pubblicare, anche i siti Web e le app possono farlo.

Nel loro insieme, i documenti riflettono una spinta concertata del DOJ per modificare la legge o indebolirla tramite l’ordine esecutivo di Trump. Fortunatamente, né il DOJ né gli sforzi di Trump hanno avuto successo.

Il DOJ ha rilasciato i documenti questo autunno in una lunga causa intentata da EFF per il Freedom of Information Act. In questo caso, abbiamo cercato documenti che mostrassero i vari modi in cui il governo federale ha tentato di vendicarsi contro i social media per aver moderato i contenuti degli utenti in modi non graditi al presidente. EFF è stato anche consulente di un gruppo di querelanti che hanno citato in giudizio per bloccare l’ordine esecutivo incostituzionale di Trump.

Nell’ambito della causa FOIA dell’EFF, l’Ufficio di gestione e bilancio ha anche pubblicato una serie di documenti (disponibili qui e qui) che hanno fornito ulteriori informazioni sull’attuazione dell’ordine esecutivo. Un aspetto chiave dell’ordine richiedeva a tutte le agenzie federali di riferire quanti soldi avevano speso per la pubblicità online. Quello avrebbe potuto essere il primo passo in uno sforzo incostituzionale per punire le piattaforme che a Trump non piacevano.

I documenti pubblicati in precedenza hanno mostrato che le agenzie hanno speso più di 117 milioni di dollari per fare pubblicità online per una serie di motivi, come la pubblicazione di annunci sulle opportunità di lavoro e l’incoraggiamento degli studenti a richiedere aiuti finanziari federali. I documenti rilasciati a quel tempo non includevano diverse agenzie o componenti federali, inclusi molti all’interno del DOJ. I nuovi record si aggiungono al totale, inclusi oltre 93 milioni di dollari spesi in pubblicità online per il censimento del 2020.

cc @smaurizi @brunosaetta @violastefanello @faffa @effemme89 @Vitalba

Link al post originale sul sito di EFF

Giornalismo e disordine informativo
!giornalismo

    Comunità spin-off dell’istanza mastodon poliversity.it dedicata alla discussione su giornalismo, giornalisti, censura, whistleblowing, disinformazione e disordine informativo.

    Valgono le regole della comunità feddit.it. La menzione di fakenews è consentita se e solo se contestualizzata e preceduta dall’hashtag #fakenews.

    Nel dubbio su cosa sia disinformazione e fakenews, è possibile fare riferimento ai servizi antibufala e alle blacklist più note (Bufale.net, Butac.it, Davidpuente.it).

    La moderazione di questa comunità, almeno nei primi tempi, sarà alquanto rigida per evitare che venga utilizzata al fine di generare disinformazione.

    QUESTA COMUNITA’ NON E’ DEDICATA ALLA PUBBLICAZIONE DI QUALSIASI NOTIZIA, MA SOLO DI NOTIZIE LEGATE ALL’OGGETTO DELLA COMUNITA’!

    La pubblicazione di notizie su argomenti specifici potrà avvenire nelle altre comunità:

    Ricordiamo in particolare:

    • 0 users online
    • 1 user / day
    • 5 users / week
    • 17 users / month
    • 23 users / 6 months
    • 70 subscribers
    • 57 Posts
    • 32 Comments
    • Modlog