Lavoratori Tech
!lavoro
help-circle
rss
Slitta il voto sulla direttiva sui lavoratori delle piattaforme?
[Non ci sono ancora comunicati ufficiali](https://twitter.com/Theo_BGonse/status/1615654555135475713?t=ouqOk7X9dQV5amoww7ikNw&s=19) ma sembra che il voto sulla direttiva sui lavoratori delle piattaforme, previsto per domani in plenaria (19 gennaio), sia stato annullato a causa degli scioperi generali in Francia. È probabile che venga rinviata alla mini-plenaria dell'1-2 febbraio a Bruxelles.

L'Amazon Labour Union (ALU) - il gruppo sindacale guidato da Christian Smalls, un ex dipendente di Amazon - ha condotto la sua prima campagna sindacale di successo contro il gigante dell'e-commerce, con il risultato che i lavoratori del magazzino JFK8 hanno votato a favore dell'adesione al gruppo. Amazon, tuttavia, ha affermato che le elezioni, tenutesi lo scorso anno ad aprile, sono state ingiuste a causa di "un'influenza inappropriata e indebita" da parte dell'ALU e dell'NLRB. La mega-corp ha presentato obiezioni poco dopo, esortando i funzionari dell'NLRB a ribaltare i risultati. Ha accusato il gruppo sindacale ei rappresentanti dell'agenzia federale di costringere i lavoratori a votare a favore della formazione di un sindacato. **[L'articolo di Katyanna Quach prosegue su The Register](https://www.theregister.com/2023/01/12/nlrb_amazon_union/)**

Mercoledì, meno di due mesi dopo che il secondo più grande datore di lavoro degli Stati Uniti si sarebbe mosso per tagliare circa 10.000 dipendenti nelle sue divisioni di dispositivi e libri, il CEO Andy Jassy ha affermato che ora effettuerà un'ulteriore taglio di lavoratori portando il conteggio totale dei licenziamenti a 18.000. L'ultimo round di licenziamenti rende Amazon tra le aziende più colpite in termini di numero di dipendenti da una recessione tecnologica durata anni che ha raso al suolo più di 91.000 posti di lavoro e ha toccato quasi ogni angolo del settore tecnologico.

LISBONA - Il Portogallo ha scommesso enormemente sull'attrarre "nomadi digitali" - e il loro denaro - nel paese, ma potrebbe non essere in grado di mantenerli



«La narrativa che dipinge le macchine e i sistemi intelligenti come autonomi è altamente fuorviante. I sistemi di IA sono costruiti da masse di lavoratori sfruttati in tutto il mondo, che lavorano in condizioni precarie e dannose, nonché con scarse tutele. Essere consapevoli di tali dinamiche che sottostanno ai sistemi che stiamo implementando in maniera sempre più totalizzante è indispensabile per poterne derivare tutele per i lavoratori coinvolti, e sanzioni per le società che le violano.» Il post di Camilla Giorgio e Camilla Quaresmini per #PrivacyNetwork **[è disponibile qui](https://privacy-network.it/costruzione-dei-dispositivi-di-ia-quali-costi-sociali/)**.

Negli ultimi anni, politici e imprenditori hanno più volte affermato che, per realizzare la digitalizzazione delle imprese auspicata dal Governo e dall’Unione europea, ci sarà bisogno di molte più persone di quelle che sono attualmente formate per lavorare nel cosiddetto settore ICT. Molto più raramente, però, ci si sofferma ad analizzare le rivendicazioni e le critiche di chi nel settore, in Italia, lavora già. Secondo i dati ISTAT, in Italia le persone che lavoravano nel settore delle tecnologie dell’informazione e comunicazione nel 2021 erano poco più di 662 mila, ma il numero cambia considerevolmente a seconda dei ruoli che si fanno rientrare o meno nella categoria di “tech worker”. In Italia, storicamente quasi tutti i sindacati riuniscono diversi tech worker, ma non si dedicano specificatamente alle rivendicazioni nel settore tecnologico. Negli ultimi anni a livello internazionale è emerso un nuovo soggetto, la Tech Workers Coalition... **[(CONTINUA)](https://www.guerredirete.it/i-lavoratori-tech-si-organizzano-cosa-vogliono/)**

Un post su Reddit aveva l'intenzione di spiegare agli statunitensi che il loro modo di gestire il lavoro non è necessariamente il migliore: non molti americani sanno che altri paesi proteggono i diritti dei lavoratori. Perciò è importante mostrare loro altri modelli: > "credo che se più americani sapessero che esistono altri modi praticabili, potrebbero organizzarsi e chiedere di meglio ai legislatori a casa".

Secondo il Commissario UE Nicholas Schmit, il Consiglio degli Stati d'Europa dovrebbe tornare al testo originale della direttiva sui lavoratori delle piattaforme
**[SECONDO IL COMMISSARIO UE NICHOLAS SCHMIT, IL CONSIGLIO DEGLI STATI D'EUROPA DOVREBBE TORNARE AL TESTO ORIGINALE DELLA DIRETTIVA SUI LAVORATORI DELLE PIATTAFORME](https://www.euractiv.com/section/gig-economy/interview/eu-commissioner-council-should-revert-to-platform-workers-directive-original-text/)** Il commissario Nicolas Schmit in un'intervista a EURACTIV ha dichiarato che i ministri UE non sono riusciti a raggiungere un accordo la scorsa settimana sulla direttiva sui lavoratori tramite piattaforma, poiché permangono preoccupazioni sull'attivazione della presunzione legale di occupazione e delle sue deroghe. Il testo iniziale della Commissione stabiliva cinque criteri che potevano indicare un legame di subordinazione tra un lavoratore e una piattaforma. Questi includono remunerazione, requisiti per indossare un'uniforme, supervisione delle prestazioni, impedire ai lavoratori di organizzare il proprio programma di lavoro e limitare la possibilità di lavorare per qualcun altro. Una presunzione legale di occupazione scatterà se due di questi cinque criteri sono soddisfatti da un lavoratore. Le piattaforme avrebbero quindi il diritto di confutare la presunzione se fornissero prove pertinenti che un lavoratore è "veramente" un lavoratore autonomo. Questa formulazione è una proposta “molto equilibrata”, secondo il Commissario. Il successo del ceco nell'innalzare l'asticella a tre criteri su sette “non è un miglioramento per me; è un indebolimento della presunzione”, ha detto il commissario. ....... Due parti del testo risultano particolarmente problematiche agli occhi di Schmit. In primo luogo, una clausola affermava che se una piattaforma soddisfa uno dei criteri di presunzione di occupazione "esclusivamente in conseguenza della sua conformità" al diritto nazionale, i criteri non possono essere considerati soddisfatti. In secondo luogo, il testo ceco concede agli Stati membri la discrezionalità di non applicare la presunzione, se è ovvia sarà confutata. ....... Infine, gli algoritmi non sono solo argomento da GDPR: "La presidenza ceca ha limitato la questione della gestione algoritmica a quella del GDPR [regolamento generale sulla protezione dei dati]", il quadro di protezione dei dati dell'UE. Cioè, gli algoritmi della piattaforma non dovrebbero essere in grado di utilizzare i dati personali quando prendono decisioni sul lavoro di una persona. Schmit ha affermato che questo non va abbastanza lontano e la gestione algoritmica "va molto più in profondità", con un impatto diretto sulle condizioni di lavoro. Rafforzare la trasparenza algoritmica, garantire che queste informazioni siano accessibili a tutti i lavoratori e portare un essere umano al corrente di qualsiasi decisione algoritmica significativa come un licenziamento è fondamentale, ha affermato Schmit. **[L'articolo di Théo Bourgery-Gonse continua qui su Euractiv](https://www.euractiv.com/section/gig-economy/interview/eu-commissioner-council-should-revert-to-platform-workers-directive-original-text/)**
fedilink


**Progettare il dissenso - Pratiche politiche a prova di collasso globale** 🕒 18 dicembre, 17:30 - 18 dicembre, 18:30 📍 Polo del '900, Torino, Piemonte Oggi le organizzazioni politiche e i movimenti sociali che vogliano produrre un cambiamento reale e duraturo, più che in termini di forme, dovrebbero ragionare in termini di forze. Invece di domandarci astrattamente come dovrà essere il mondo di domani, potrebbe essere più utile concentrarci sul presente e chiederci, con estrema franchezza: come potrà essere il mondo di domani, considerando com’è davvero il mondo oggi? E come ripensare dal profondo strategie, competenze e infrastrutture dell’attivismo politico, per affrontare - da protagonisti e non più da spettatori - le grandi crisi del nostro tempo? Scuola Capitale Sociale ne parlerà a Torino con Simone Robutti, il 18 Dicembre alle ore 17:30; ingresso libero, puoi seguire anche via Zoom



> questa notte twitter ha licenziato 3.500 persone in violazione della legge sul lavoro della California. A quanto pare non c'è più nessun moderatore all'interno del social network, proprio alla vigilia delle elezioni di midterm > I dipendenti sono stati convocati online su slack e a mezzanotte sono stati disattivati. Chi è stato licenziato lo ha scoperto in questo modo. > Alcuni dipendenti si sono dimessi volontariamente per tutelare i lavoratori che avevano ottenuto il visto lavorativo solo grazie al contratto con Twitter. Twitter è stato citato in giudizio dai membri dello staff mentre Elon Musk inizia oggi un programma di tagli radicali di posti di lavoro. Il miliardario prevede di licenziare 3.700 dipendenti – circa la metà della forza lavoro dell'azienda – mentre cerca di tagliare i costi dopo la sua travagliata acquisizione di $ 44 miliardi (£ 38 miliardi). Ma i lavoratori hanno intentato un'azione legale collettiva a San Francisco affermando che la mancanza di preavviso sui licenziamenti viola la legge federale e della California.

Ogni giorno Diya, una 32enne di Bangalore, si collega da remoto per un turno di otto ore come ingegnere del software in un'azienda IT. Lavora sodo, ma una volta terminata la giornata lavorativa, rimane in modalità professionale: accede al suo secondo lavoro, sempre in ambito IT. “Sono molto bravo con l'animazione e sto facendo un progetto in cui in realtà guadagno quasi quanto faccio nel mio lavoro principale, lavorando meno ore. Mi aiuta anche ad affinare le mie capacità e ad aumentare il mio flusso di entrate" **[(continua)](https://www.bbc.com/worklife/article/20221014-moonlighting-the-controversy-among-indias-tech-workers)**

Strategie individuali e collettive per convincere il capo ad alzare il salario ![](https://feddit.it/pictrs/image/77369da4-2312-454a-b3de-680ebc11fd67.jpeg) ![](https://feddit.it/pictrs/image/29559fe3-5dbf-43f9-a426-a0ddadc2d0d7.jpeg) ![](https://feddit.it/pictrs/image/24e422d5-3652-48e9-b1c4-4b24d3dd509c.jpeg) ![](https://feddit.it/pictrs/image/645cf772-b85b-4832-a85d-c1a81be30ca5.jpeg) ![](https://feddit.it/pictrs/image/700f59fa-61ae-42ad-8adc-06c3e385d94c.jpeg) continua...


Pretendere che i dipendenti accendano le loro webcam è una violazione dei diritti umani secondo un tribunale olandese. Dalla newsletter #PrivacyDaily di @guidoscorza
**[PRETENDERE CHE I DIPENDENTI ACCENDANO LE LORO WEBCAM È UNA VIOLAZIONE DEI DIRITTI UMANI SECONDO UN TRIBUNALE OLANDESE](https://techcrunch.com/2022/10/09/ixnay-on-the-webcams/)** Quando Chetu, società di sviluppo software con sede a Miramar, in Florida ha chiesto al dipendente di accendere la sua webcam, il dipendente non era contento di essere monitorato “per 9 ore al giorno”, in un programma che includeva la condivisione dello schermo e lo streaming della sua webcam. Quando ha rifiutato, è stato licenziato, secondo gli atti del tribunale olandese, per il “rifiuto di lavorare” e “insubordinazione”. Il tribunale olandese non è stato d’accordo, tuttavia, e ha stabilito che “le istruzioni per tenere accesa la webcam sono in contrasto con il rispetto della privacy dei lavoratori”. Nel suo verdetto, la corte sottolinea che richiedere la sorveglianza tramite webcam sia una violazione dei diritti umani. [Link all'articolo originale](https://techcrunch.com/2022/10/09/ixnay-on-the-webcams/)
fedilink

Tra falchi e colombe, il cdx europeo cerca di definire lo status dei #PlattformWorkers e se difendere loro o le piattaforme. Di @Theo_BGonse su @euractiv
**[TRA FALCHI E COLOMBE, IL CENTRODESTRA EUROPEO STA ANCORA CERCANDO DI TROVARE LA SUA POSIZIONE SULLE NUOVE REGOLE PER CLASSIFICARE LO STATUS DEI LAVORATORI DI PIATTAFORMA](https://www.euractiv.com/section/sharing-economy/news/conservative-meps-still-divided-on-platform-worker-status/)** Tra falchi e colombe, il centrodestra europeo sta ancora cercando di trovare la sua posizione sulle nuove regole per classificare lo status dei lavoratori di piattaforma, come dimostrano gli emendamenti di compromesso alternativi visti da Euractiv. La relatrice ombra del gruppo di sinistra Leila Chaibi ha detto che “Questa direttiva è stata inizialmente creata per proteggere i lavoratori; presto potrebbe proteggere le piattaforme" [Link all'articolo completo](https://www.euractiv.com/section/sharing-economy/news/conservative-meps-still-divided-on-platform-worker-status/) di Théo Bourgery-Gonse su [#Euractiv](https://poliverso.org/search?tag=Euractiv)
fedilink

Lavoratori Tech
!lavoro

    Comunità dedicata alla discussione di temi inerenti al lavoro, alle sue problematiche e all’organizzazione dei lavoratori.

    • 0 users online
    • 1 user / day
    • 1 user / week
    • 3 users / month
    • 16 users / 6 months
    • 61 subscribers
    • 59 Posts
    • 19 Comments
    • Modlog