Informapirata

Politica Pirata: informazione su #whistleblowing #dirittidigitali #sovranitàdigitale #copyright #privacy #cyberwarfare #pirati #Europa #opensource #opendata https://t.me/ppInforma

  • 118 Posts
  • 57 Comments
Joined 7 mesi fa
cake
Cake day: mag 05, 2022

help-circle
rss
Ha fatto scalpore la vicenda del giornalista di Associated Press, licenziato perché aveva pubblicato la notizia dei missili russi sulla Polonia, innescando uno dei momenti di Maggiore tensione tra Washington e Mosca dai tempi dei missili cubani. Quello che emerge è un insieme di mancate verifiche, equivoci in redazione, ma anche uno squarcio sulla serietà di una redazione apprezzata e sulla responsabilità del mestiere di giornalista. > Il licenziamento di LaPorta è stato riportato per la prima volta dal Daily Beast e confermato dal Washington Post. Entrambe le storie citavano fonti AP e attribuivano la colpa direttamente al giornalista. The Beast ha riferito che LaPorta ha lasciato "l'impressione che l'approvvigionamento della storia fosse stato approvato". > Ma i messaggi Slack Dai quali è nato l'incidente raccontano una storia diversa, di errori onesti, confusione interna e mancanza di un processo chiaro che ha portato a un disastro per una delle poche testate giornalistiche la cui presenza su Twitter è un resoconto autorevole di quello che succede nel mondo. [Il post di Max Tani su Semafor](https://www.semafor.com/article/11/22/2022/ap-fired-a-reporter-after-a-dangerous-blunder-slack-messages-reveal-a-chaotic-process)

Bruxelles, 23 nov. (askanews) – “La disponibilità del sito web del Parlamento europeo è attualmente influenzata dall’esterno a causa degli elevati livelli di traffico di rete”. Lo riferisce sul suo account Twitter il portavoce dell’Europarlamento, Jaume Duch. Questo traffico esterno, spiega il portavoce, “è correlato a un evento di attacco Ddos (Distributed Denial of Service)”, aggiungendo che “lo staff del Parlamento europeo sta lavorando per risolvere questo problema il più rapidamente possibile”. [Continua](https://www.askanews.it/esteri/2022/11/23/attacco-informatico-al-sito-del-parlamento-ue-dopo-il-voto-contro-la-russia-top10_20221123_164927/)

Serve «un approccio antifascista all’intelligenza artificiale», scrive Dan McQuillan nel suo recente volume intitolato “Resisting Ai” (Bristol University Press). Non perché l’Ia sia di per sé fascista, ragiona il docente di Computing sociale e creativo al Goldsmiths College dell’università di Londra, ma in quanto motore di dinamiche congruenti, e in modo strutturale, con politiche fasciste. Lungi dall’essere una mera tecnologia, l’Ia è infatti un “apparato” che somma tecnica, istituzioni e ideologia. E se ne comprendiamo le “operazioni di base”, e le situiamo nell’attuale momento storico, è impossibile ignorare che il cambiamento di paradigma sociale portato dall’Ia «non farà che amplificare politiche di austerity e sviluppi autoritari», si legge nel testo, agile ma durissimo di McQuillan. [(continua)](https://www.valigiablu.it/intelligenza-artificiale-antifascista/)

Strategie individuali e collettive per convincere il capo ad alzare il salario ![](https://feddit.it/pictrs/image/77369da4-2312-454a-b3de-680ebc11fd67.jpeg) ![](https://feddit.it/pictrs/image/29559fe3-5dbf-43f9-a426-a0ddadc2d0d7.jpeg) ![](https://feddit.it/pictrs/image/24e422d5-3652-48e9-b1c4-4b24d3dd509c.jpeg) ![](https://feddit.it/pictrs/image/645cf772-b85b-4832-a85d-c1a81be30ca5.jpeg) ![](https://feddit.it/pictrs/image/700f59fa-61ae-42ad-8adc-06c3e385d94c.jpeg) continua...

Gestire due funzioni è già costoso in termini di risorse; se la seconda funzione è pure:

  • residuale (quanti sono quelli che usano gli SMS? Quanti sono quelli che usano SMS tra gli utenti Signal?)
  • incomprensibile (chi sa perché SIgnal può gestire gli sms?)
  • inutile (ci sono mille app per gestire gli SMS e una di queste è predefinita in ogni telefono)
  • dannosa per l’utente (fa confondere tra messaggi cifrati e messaggi non cifrati)

allora vuol dire che stai buttando via soldi ed energie che potrebbero essere utilizzate per promuovere meglio l’applicazione, il cui unico testimonial fuori dal mondo underground (ricordo) è stato un certo Edward Snowden… Magari potrebbero investire un po’ di più in comunicazione, perché al momento non hanno fatto nulla!



Firmato il decreto per la sottoscrizione digitale delle proposte referendarie e delle leggi di iniziativa popolare
Il decreto appena rilasciato - si legge in una nota del ministero per l'Innovazione tecnologica e la Transizione digitale - ha recepito sia le osservazioni del Garante della Privacy che quelle del ministero della Giustizia


Quattro giorni e quasi nessuna foto scattata. Mi sono dimenticata. O forse mi sembrava un atto un po’ sacrilego, un gesto da turisti e non da protagonisti. Ci si sentiva così, al RomHack Camp: non c’era tempo per nulla che non fosse radicalmente esserci, presenti. Così alla fine sono dovuta andare a elemosinare immagini scattate da altri, perché il desiderio di avere un interruttore di ricordi era troppo intenso, dopo, quando tutto era finito. **[(segue)](https://romhack.camp/un-hacker-camp-da-ricordare/)**

☠️Ieri la coalizione di Destra ha vinto le elezioni e formerà un governo. Sappiamo che la maggior parte di voi oggi è arrabbiata, delusa, spaventata per il proprio domani. 🪢Il cambiamento non arriverà da queste istituzioni paralizzate. Votare può essere utile, ma non basta. Serve attivarsi ed essere coinvolti in prima persona. 💪Come TWC facciamo parte di una nuova generazione di organizzazioni che hanno un altro modo di fare le cose. Vogliamo creare cambiamento che non richieda di dipendere da queste istituzioni, oggi in mano a persone che probabilmente vorrebbero vedere sparire qualsiasi diritto sindacale. Non ci si può fidare. 🧱Dare potere ai tech worker significa costruirci da soli e da sole gli strumenti per tutelarci, per tutelare gli altri e per trasformare il mondo. 😡Focalizzatevi su ciò che sentite in questo momento. Volete dare ad un sistema politico al collasso il diritto di farvi sentire così? Là fuori c’è un futuro da ricostruire. Organizziamoci. https://twc-italia.org/contribute ![](https://feddit.it/pictrs/image/129420c6-8b74-4c2b-8e60-24ef92813a7a.jpeg)

L'ex senatore dei Ds, Felice Besostri ha coordinato i ricorsi che hanno portato all’abrogazione parziale delle due leggi elettorali precedenti, Porcellum e Italicum. A TPI spiega perché secondo lui anche il Rosatellum contiene principi di incostituzionalità L'articolo di Federica Colli Vignarelli su TPI [continua qui](https://www.tpi.it/politica/rosatellum-voto-non-libero-ne-diretto-avvocato-besostri-intervista-20220922932828/ )

Il 24 febbraio 2022 fissa lo spartiacque tra due epoche: dopo la seconda G.M. l’Europa ha goduto 77 anni di pace e la fine della Guerra fredda aveva fatto credere che la guerra come strumento di pressione politica non fosse più una scelta praticabile

(incredibile come nessuno più voglia ricordare le guerre dell’ex Jugoslavia di inizio anni '90 e la guerra che la NATO ha fatto contro la Serbia alla fine dello stesso decennio!)

Comunque la recensione è interessante!



Elezioni: rigettato il ricorso della Lista Referendum e democrazia con Cappato
**A 5 GIORNI DAL VOTO, DOPO 5 ANNI DI INERZIA, IL RICATTO DELLO SPOSTAMENTO DELLE ELEZIONI HA FUNZIONATO** La battaglia di Marco Cappato e Eumans per la firma digitale per le elezioni non si ferma. Lo scaricabarile tra istituzioni farà scattare nuovi ricorsi interni e internazionali La decisione del Tribunale di Milano si conclude motivando che “il giudice non è stato posto in condizione di verificare la sussistenza del predetto elemento di fatto [la verifica dell’effettiva presenza delle sottoscrizioni digitali raccolte assieme ai certificati] della fattispecie controversa (verifica che non può esimersi dal fare, attesa la contestazione di parte resistente), deve ritenersi l’insussistenza del presupposto della richiesta tutela cautelare, costituito all’apparenza del buon diritto (fumus boni juris). “Una decisione insensata” dichiara Marco Cappato, leader della lista “perché ci imputa di non avere provato l’esistenza delle firme, attribuendo a noi un dovere – la verifica delle firme – che è notoriamente in capo alla Corte d’Appello e non certo ai presentatori. Anche per questo presenteremo immediato reclamo. “La decisione arriva a cinque giorni dalle elezioni” ha dichiarato Virginia Fiume, co-presidente di Eumans “ma dopo cinque anni da quando, nel 2017, il Parlamento aveva impegnato – entro 6 mesi!!- il Governo a sperimentare la firma digitale per la presentazione delle liste. Un esperimento mai tentato da nessun Governo ma non per questo scaduto come impegno”. “Il Governo si era opposto al ricorso d’urgenza della Lista Referendum e Democrazia avanzando l’impossibilità di posticipare il voto in caso di accoglimento del ricorso perché a ridosso della tornata elettorale” ha detto Marco Perduca, responsabile legale della lista ” Ma nessuna risposta era però mai arrivata dal 25 luglio quando abbiamo diffidato formalmente il Governo per ottenere un decreto interpretativo”. “Nel silenzio assoluto da parte di Governo, Parlamento e Presidente della Repubblica” ha concluso Cappato “il giudice di Milano si è trovato a dover decidere in condizioni di oggettivo ricatto prodotto dall’inerzia istituzionale. Anche per questo la nostra azione non finisce qui. E’ in preparazione un reclamo urgente e ricorsi a giurisdizioni internazionali https://listareferendumedemocrazia.it/2022/09/20/elezioni-rigettato-il-ricorso-della-lista-referendum-e-democrazia-con-cappato/

Ecco "**[Libertà di voto](https://libertadivoto.it/)**" la piattaforma che "smaschera" chi si vota nell'uninominale scegliendo un determinato partito, una 'stortura' del Rosatellum: ecco la campagna del radicale Mario Staderini. Che rilancia anche il ricorso del 2018 (ha passato la prima fase di ammissibilità) alla Cedu. La procedura è semplice: una volta al seggio, ci si registra, si ritira la scheda e si chiede al presidente di seggio di verbalizzare una dichiarazione Inoltre anche due dichiarazioni prestampate per partecipare all'iniziativa di protesta non violenta. Una volta al seggio, ci si registra e si chiede al presidente di seggio di verbalizzare una di queste due dichiarazioni: # Chi vuole votare, potrà far verbalizzare al presidente di seggio questa dichiarazione: > “Parteciperò al voto ma denuncio che il sistema elettorale non mi garantisce un voto libero, uguale e che conti davvero, come garantito dall’art. 48 della Costituzione, dall’articolo 3 del primo protocollo della Convenzione europea dei diritti dell’uomo e dal Patto internazionale sui diritti civili e politici” # Per chi non vuole votare nessuno, invece, la dichiarazione dovrà essere la seguente > “Non partecipo al voto in quanto il sistema elettorale non mi garantisce un voto libero, uguale e che conti davvero, come garantito dall’articolo 48 della Costituzione, dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo e dal Patto internazionale sui diritti civili e politici”

In questo video di circa 24 minuti Roberto Mancuso di https://www.eumans.eu ha provato a sintetizzare le motivazioni politiche e giuridiche dell'operazione "Lista Referendum e Democrazia con Cappato". All'interno sono rinvenibili interventi audio video dell'Avv. Francesca Re e del Professor Giovanni Guzzetta, Ordinario di Diritto Pubblico. Buona visione



Cyber ​​Resilience Act: la protezione della sicurezza digitale funziona in modo diverso
La Commissione europea ha presentato oggi il "Cyber ​​Resilience Act" , un progetto di legge che obbligherebbe i produttori di prodotti "con elementi digitali" a garantire la sicurezza informatica durante l'intero ciclo di vita del prodotto.[1] In questo modo, la Commissione vuole garantire che i prodotti digitali siano progettati in modo più sicuro dall'inizio del ciclo di vita dei dispositivi e contengano meno vulnerabilità per essere meglio attrezzati contro gli attacchi informatici. L'eurodeputato tedesco Patrick Breyer (Partito Pirata Europeo) commenta la bozza: > "Poiché nell'era della rivoluzione digitale la nostra sicurezza e le nostre vite sono minacciate da una tecnologia insicura, i Pirati ritengono che sia in ritardo per ritenere finalmente responsabili i produttori commerciali. A prima vista, tuttavia, la proposta odierna è insufficiente in alcuni punti e si spinge troppo oltre in altri: da un lato, manca un chiaro obbligo per i produttori commerciali di correggere immediatamente le lacune di sicurezza note. I produttori commerciali devono essere ritenuti responsabili per le backdoor, le scappatoie di sicurezza autoinflitte al fine di rendere la sicurezza IT finanziariamente vantaggiosa! D'altra parte, lo sviluppo volontario di software libero è minacciato perché gli stessi requisiti devono essere imposti ai produttori commerciali e ai volontari." > "Questa proposta è immatura e deve essere rivista". https://www.patrick-breyer.de/en/cyber-resilience-act-protecting-digital-security-works-differently/

La Russia ha segretamente inviato almeno 300 milioni di dollari a partiti politici stranieri e candidati in più di due dozzine di paesi dal 2014 per ottenere influenza, ha affermato martedì una valutazione declassificata dell'intelligence statunitense. L'intelligence statunitense "valuta che si tratta di cifre minime e che la Russia probabilmente ha trasferito fondi aggiuntivi di nascosto in casi che non sono stati rilevati", ha affermato un alto funzionario dell'amministrazione.

> Una rete di droni sui mari per proteggere la “Fortezza Europa”. Al link le 4 puntate dell'inchiesta di #Wireditalia sull'Agenzia europea per la sicurezza marittima e i suoi appalti per la sorveglianza tech sui mari con Frontex L'articolo di Luca #Zorloni è su #Wired Italia https://www.wired.it/article/droni-sorveglianza-mari-migranti-europa-emsa-frontex-appalti/

> La Commissione europea [ha presentato](https://ec.europa.eu/info/law/better-regulation/have-your-say/initiatives/12797-Designing-mobile-phones-and-tablets-to-be-sustainable-ecodesign_en) la bozza di una nuova direttiva pensata per aumentare il ciclo dei telefonini venduti sul territorio dell’Unione. L’idea è di combattere l'approccio “usa-e-getta” che costringe i consumatori a rimpiazzare il proprio dispositivo con frequenza elevata – circa ogni 2 o 3 anni secondo Ansa – a causa dell’obsolescenza programmata. Così facendo, la Commissione punta anche a ridurre l’inquinamento ambientale creato dalla produzione delle varie componenti degli smartphone, in particolare le batterie https://www.wired.it/article/smartphone-riparazione-commissione-europea-proposta-vita/

Tre minuti prima della mezzanotte del 14 settembre 2018, il cellulare di Andrey Averyanov ha iniziato a squillare. Nonostante l'ora tarda, i tabulati telefonici mostrano che il Magg. Generale Averyanov, il comandante dell'unità operativa clandestina 29155 del GRU , era ancora nel suo ufficio presso il quartier generale dei servizi segreti militari russi a Khoroshevskoe Shosse 76 a Mosca. All'inizio di quel giorno, Bellingcat e il suo partner investigativo russo, The Insider, avevano pubblicato un'indagine sulle identità di copertina di "Ruslan Boshirov" e "Alexander Petrov", due spie sotto copertura del GRU implicate nell'avvelenamento da Novichok di Sergey e Yuia Skripal a Salisbury, Inghilterra. L'indagine aveva fatto saltare il coperchio su un buco evidente nell'attività commerciale del GRU: per quasi un decennio, l'agenzia di intelligence militare russa aveva fornito alle proprie spie passaporti numerati consecutivamente, consentendo ai giornalisti investigativi che avevano acquisito dati comunemente trapelati sul mercato nero russo di scoprire altre spie semplicemente tracciando tali lotti di numeri. L'articolo di Christo Grozev è su Bellingcat https://www.bellingcat.com/news/2022/08/25/socialite-widow-jeweller-spy-how-a-gru-agent-charmed-her-way-into-nato-circles-in-italy/

Dopo l'appello che abbiamo lanciato per **[promuovere un monitoraggio sui temi digitali](https://feddit.it/post/45147)** all'interno dei programmi presentati dai partiti politici per le elezioni 2022, sono nati altri due progetti molto interessanti da seguire. # Il primo progetto di Informapirata Lanciato qui su feddit.it, non ci di l'unghia o oltre, visto che ne abbiamo già parlato diffusamente. ![](https://feddit.it/pictrs/image/8b174a29-a728-4064-b9c3-cb4da4d712ed.jpeg) *Il progetto di monitoraggio di InformaPirata sulla presenza dei temi digitali nei programmi dei partiti per le #elezioni2022* # Monitoraggio dei temi digitali nelle promesse elettorali delle elezioni 2022 in Italia. Il primo è nato su iniziativa di [Fabio Loviuz ed è gestito come repository collaborativo su Gitea](https://gitea.it/loviuz/digitalrights-elezioni2022). ![](https://feddit.it/pictrs/image/15d08c4f-8b72-43cb-92a2-1b0c6c1808f1.png) *Monitoraggio dei temi digitali nelle promesse elettorali delle elezioni 2022 in Italia.* # Elezioni e Cybersecurity: cosa c’è nei programmi elettorali delle varie forze politiche? Il secondo progetto, focalizzato solo sulla questione Cyber Security (che dovrebbe essere considerata estremamente strategica per il futuro della nazione), è stato condotto dal blog ZeroZone di Michele Pinassi. Tutti i contenuti sono reperibili a questo link: [Elezioni e Cybersecurity: cosa c’è nei programmi elettorali delle varie forze politiche? ](https://www.zerozone.it/politica-societa/elezioni-e-cybersecurity-cosa-ce-nei-programmi-elettorali-delle-varie-forze-politiche/22427) ![](https://feddit.it/pictrs/image/935a2726-e357-42a8-a849-dfd4c8a64e0f.jpeg) *Elezioni e Cybersecurity: cosa c’è nei programmi elettorali delle varie forze politiche?* # Considerazioni personali È piuttosto sconfortante vedere come in questi tre progetti di monitoraggio, i risultati siano sempre piuttosto scarsi. Colpisce in modo particolare la approssimazione e la superficialità con cui alcuni di questi programmi si dedicano ai temi digitali. Troviamo estremamente interessante questo processo di controllo dal basso sui programmi elettorali e ci auguriamo che prosegua, ma soprattutto ci auguriamo che le forze politiche si accorgano che il mondo digitale non è qualcosa di diverso dal cosiddetto mondo reale ma ne è semplicemente la prosecuzione logica nel contesto attuale.

Ogni sabato fino a marzo Lorena Corrias sarà a Como, in piazza Verdi, per manifestare e chiedere la liberazione di Julian Assange. Ogni sabato Lorenza s'imprigionerà, per così dire, in una cella immaginaria disegnata sulla pavimentazione della piazza. > "E' la grandezza dellacella in cui è rinchiuso Assange", precisa la ragazza di Erba. "Il mio obiettivo - ha spiegato a QuiComo - è di sensibilizzare la gente e indurla a cercare informazioni su chi sia Julian Assange". https://www.quicomo.it/attualita/lorena-in-piazza-per-assange.html

Nello specifico, abbiamo tirato giù una possibile griglia dei punteggi e la relativa griglia degli argomenti:

Punteggi:

  • 3: sviluppo dedicato
  • 2: accenno diretto
  • 1: accenno indiretto
  • 0: nessun accenno
  • -1: approccio discutibile
  • -2: approccio “molto” discutibile

Diritti fondamentali: privacy Peso dato alla privacy: in generale, in quanto diritto umano (principio di autodeterminazione della sfera privata) fondamentale per l’esercizio dei diritti digitali; nello specifico delle questioni legate alla tutela dei dati personali, alla lotta contro la profilazione, alla rivendicazione della propria realtà biometrica, alla tutela dell’anonimato, all’armonizzazione con le politiche sanitarie

Diritti fondamentali: diritto alla conoscenza Peso dato al diritto alla conoscenza: in generale, in quanto diritto civile (presupposto fondamentale per l’accesso all’istruzione e alle fonti della conoscenza); nello specifico delle questioni legate a istruzione, trasparenza, open data, accesso a internet, etc

Diritti fondamentali: lavoro Peso dato al lavoro: in generale, in quanto diritto sociale (principio di autosufficienza economica e sociale); nello specifico delle questioni legate a monitoraggio, algoritmi, istruzione informatica (non solo formazione), etc

Temi generali: anonimato Valutazioni: presenza esplicita nel programma (anonimato, pseudonimato), posizione sull’identificazione degli utenti nelle piattaforme di svago (social, giochi, etc), sistemi di pagamento

Temi generali: concorrenza Accenno alla strategia antitrust (non necessariamente specifiche, ma fondamentali per arginare lo strapotere delle BigTech); presenza all’interno del programma di temi quali il diritto alla riparazione

Temi generali: sovranità digitale Riferimenti alla questione della sovranità digitale o almeno alla strategia industriale/tecnologica (che è indicativa della strategia specifica sulle questioni digitali)

Temi generali: trasparenza Open data, accesso agli atti, disciplina sulle gare pubbliche

Temi generali: anticorruzione Riferimento alla tutela dei whistleblower

Temi specifici: open source Riferimenti all’open source o, preferibilmente, al software libero, presenza nel fediverso

Temi specifici: intelligenza artificiale Riferimenti all’intelligenza artificiale

Temi specifici: smart PA Riferimenti ai servizi digitali al cittadino e al modo di implementarli; certificati, permessi, giustizia, etc

Temi specifici: piattaforme partecipative Riferimenti all’argomento, riforme proposte, eventuali precisazioni

Temi specifici: algoritmi Presenza della questione nel programma ed eventuali riferimenti ad ambiti deliberativi/decisionali (lavoro, giustizia, salute)

Temi specifici: videosorveglianza Posizione sull’utilizzo di videocamere e sensori con il pretesto della sicurezza o del decoro

Temi negativi: sorveglianza Sorveglianza e tecnocontrollo, anche solo verso le categorie “critiche” (detenuti, immigrati, indagati)

Temi negativi: credito sociale Credito sociale

Temi negativi: educazione tecnologica Formazione applicativa invece di istruzione digitale

Temi negativi: voto elettronico Voto elettronico adottato per gli appuntamenti elettorali istituzionali


L’obiettivo sarebbe più quello di menzionare questioni importanti più che quello di sollevare vere e proprie proposte.

Ma mi sembra che non ci sia tutto questo fermento


È inspiegabile che questo tipo di software venga usato quasi sempre a favore dei tiranni e contro la democrazia… 😁 😄 🤣



Ho voluto pubblicare questa riflessione per diversi motivi, ma il motivo più importante di tutti è che sono stufo di leggere solo recensioni negative al fediverso da parte di persone che non capiscono nulla di questa realtà. Questa invece è una recensione negativa, personalmente non del tutto condivisibile, ma molto sensata.

Si vede che è stata scritta da una persona che ha frequentato molto l’ambiente del fediverso e che probabilmente non l’ha vissuto bene.

Sono invece del tutto d’accordo con la questione dei like: il meccanismo dei like non fa bene alla salute. Apprezzo molto infatti quelli iniziative come friendica e lemmy che non ti notificano i like ricevuti.

Si tratta di una scelta coraggiosa e anche un po’ penalizzante per il successo di una piattaforma Social, ma molto molto sana. Credo che mastodon, considerata la sua ragguardevole massa critica, non riuscirà a più a liberarsi delle notifiche dei like.



L’interoperabilità verrà richiesta per tutte le piattaforme di comunicazione


I Curdi si confermano un eccellente vittima sacrificale, buona per propiziare qualsiasi negoziazione…

Tanto di cappello a quella faccia di bronzo di Erdogan, che riesce a ottenere sempre tutto quello che vuole, per la gioia del suo popolo bue sempre più bigotto e sempre più vittima dell’inflazione, che dimostra di meritarsi cotanto presidente…


Non credo che vincerà. I sondaggi registrano quello che è oggi, ma la strada è lunga e al momento manca totalmente una classe dirigente appena decente. Vedrai che arriveranno grandi investimenti dall’estero per potenziare i movimenti civici punto Quella è la destra che probabilmente vincerà le elezioni: una destra che ancora non ha tirato fuori la testa dal tombino


Sicuramente sarò smentito, ma la Meloni è un fascio (e sottolineo fascio) di rami secchi: fa fuoco e fiamme, ma dura poco. La vera alt-right, quella che farà davvero paura, nascerà dalle cosiddette forze civiche della provincia italiana, che da un secolo costituisce il vero buco “nero” del Bel Paese


Una buona parte della roba che si trova in Italia è stata rubata. Dagli obelischi ad alcune statue greche, dalle reliquie dei Santi orientali ai manoscritti greci, dalle razzie delle Repubbliche marinare, alla paraculaggine dei Papi di ogni secolo, dal frega frega reciproco degli stati italiani preunitari alla predazione fascista in Africa (oggi restituite) e nel dodecanneso (non restituite). Siamo riusciti a fregarci della roba anche in Cina, quando siamo andati a occupare uno sputo di quartiere a Tientsin… 🤣🤣🤣

No guarda: se facessimo un onesto bilancio, sarebbe totalmente a nostro sfavore…


Invece credo proprio che in un paese in guerra costante, sofferta e generalmente perdente contro mafia, degrado, privatizzazione selvaggia, cantieri infiniti, inondazioni e terremoti la digitalizzazione veloce ed emergenziale del patrimonio artistico sia una priorità e che dovrebbe seguire l’esempio emergenziale dell’Ucraina

https://tommasin.org/blog/2022-06-27/etiopia-internet-chiusa-accesso-negato-diritto-negato


Assolutamente no. A parte che il lavoro nero e gli appalti truccati non siamo mai riusciti a lavarceli da soli, queste due cose sono uno dei motivi di inefficienza e impoverimento del sistema paese. Altro che royalty sulle fotografie!..

Quanto ai capolavori trafugati, non riesco a capire a cosa tu tu ti riferisca, ma tranne che per i saccheggi napoleonici (quasi tutti restituiti) la maggior parte delle opere italiane all’estero gliele abbiamo date noi. E comunque anche questo non c’entra nulla con le norme sulla proprietà intellettuale sulle foto di opere d’arte.

Infine, il discorso che fai sulle briciole non sta in piedi, perché il costo per raccogliere quelle briciole è di gran lunga superiore al valore delle briciole: non parlo soltanto del costo in termini di privazione del diritto alla conoscenza per tutti i cittadini italiani e non italiani, ma al fatto che qualsiasi struttura possa essere realizzata per raccogliere quelle briciole, essa costerà di più di qualsiasi guadagno


Quella lettera è un capolavoro. È arte pura: quella lettera è una poesia simbolista che rappresenta un paese in cui i “responsabili” sono responsabili solo per prendere i bonus che puntualmente ogni estate e ogni fine dell’anno vengono riconosciuti loro.

Pertanto mi sentirei addirittura di correggere la tua domanda

In gioco ci sono +100 posti di lavoro, per una mancata presa di responsabilità dell’ente?

Con questa

In gioco ci sono i contratti +100 lavoratori che hanno lavorato, il tutto a causa una mancata presa di responsabilità del responsabile dell’ente?

Benvenuti in Italia!


Non ho capito niente di quello che vuoi dire: la questione dei panni sporchi (quali?), la riconsegna (di cosa?), e la questione del Canova. Puoi spiegarti meglio?