L’angolo del lettore
!libri
help-circle
rss
Benvenuti
pin
Ciao a tutti e benevenuti ne "L'angolo del lettore", la prima comunità di Feddit dedicata alla lettura. Per prima cosa vi invito a dare un'occhiata al post "Guida all'utilizzo di Feddit" e alla sidebar contenente le regole del server Feddit. https://feddit.it/post/6 In aggiunta alle regole del server eccone altre relative alla nostra comunità: 🚫 Non è consentito usare questo spazio per promuovere e/o spammare libri autoprodotti. 🚫 Pubblicando una recensione è assolutamente obbligatorio includere un AVVISO SPOILER, se presente. ⚠ Evitiamo di usare link Amazon o di altri grossi store preferendo, ove possibile, la pagina dedicata sul sito dell’editore. Per rompere il ghiaccio, ecco i miei primi due consigli di lettura: **[NARRATIVA]** Nella comunità [https://feddit.it/c/fumetti](Fumetti) è stato fatto il nome di **Neil Gaiman**, riferito all'opera **"Sandman"**. Consiglierei quindi **"Nessun Dove"**, ristampato da Mondadori nel 2021 con le illustrazioni di **Chris Riddell**. Mi ha tenuto compagnia per qualche settimana durante le lunghe serate invernali e l'ho trovato molto avvincente e ben costruito. https://www.oscarmondadori.it/libri/nessundove-neil-gaiman/ **[SAGGISTICA]** Sperando di non scatenare un pandemonio, mi sento di consigliare **"Dieci ragioni per cancellare subito i tuoi account social"** di **Jaron Lanier,** pubblicato nel 2018 da **"il Saggiatore"**. Pur non condividendo le sue critiche sul movimento "Open Source" e, tenendo ben presente che lavora in Microsoft, trovo che sia una buon testo da consigliare a chi vuole capire meglio i meccanismi dietro i social network commerciali e centralizzati per iniziare ad usarli, se proprio non si riesce a rinunciare, con più consapevolezza. https://www.ilsaggiatore.com/libro/dieci-ragioni-per-cancellare-subito-i-tuoi-account-social/ Buona serata a tutti.
8
Benvenuti
pin

Tempo di vivere, tempo di morire di Erich Maria Remarque
Il soldato Graeber, protagonista di questo romanzo, per certi aspetti ricorda i protagonisti di Niente di nuovo sul fronte occidentale con i quali ha in comune la coscienza dell’orrore della guerra; vive la sua disperata avventura nella tragica desolazione delle pianure russe dov’è stato gettato a combattere, e tra le macerie della Germania nazista. [www.iyezine.com/tempo-di-viver…](https://www.iyezine.com/tempo-di-vivere-tempo-di-morire)
fedilink

Cari amici, condivido questa notizia per tutti gli amanti del genere horror. --- (ERRATA CORRIGE) Nell'articolo si parla solo del primo libro ma Fanucci ne stamperà anche un secondo che comprende i volumi da 4 a 6 (uscita prevista a giugno 2023) --- Il libro è disponibile anche in versione ebook. Se volete approfondire la figura di questo autore, vi consiglio di visitare il suo sito ufficiale, preferibilmente da PC (non è per nulla mobile-frendly 🤣🤣🤣) https://www.clivebarker.info/news.html Personalmente non amo Clive Barker, forse salverei qualche suo quadro, ma sono comunque legato ad alcuni racconti e film letti e visti in adolescenza, quindi condivido, magari abbiamo qualche estimatore tra noi che apprezzerà 😉 Buona lettura/visione.

Il grande scrittore tedesco, autore tra gli altri di "Il mago dei numeri", aveva 93 anni

"Leggere Capitalismo carnivoro cambierà il vostro modo di pensare e mangiare la carne. Non vi convincerà a smettere di acquistarla al supermercato. Non vi spingerà a stravolgere le vostre abitudini alimentari e diventare vegetariani o vegani. Tra queste pagine non troverete un manifesto animalista, ma un viaggio nelle zone più oscure del «continente della carne»." via [ilsaggiatore](www.ilsaggiatore.com)

Bellissimo volume da parte dello scrittore e tanto altro Marco Sommariva, un progetto nel quale potete trovare le schede di analisi di 82 romanzi distopici partendo dal 1676 con "La terra australe" di Gabriel de Foigny per arrivare a "Melma rosa" dell'uruguaiana Fernanda Trias. Marco Sommariva - Ombre dal futuro. [www.iyezine.com/marco-sommariv…](https://www.iyezine.com/marco-sommariva-ombre-dal-futuro-viaggio)
fedilink

"Guidata dalla curiosità e dalla frequentazione quotidiana con i grandi classici della letteratura, Oretta Bongarzoni ha costruito un elenco di ricette godibile e pieno di notazioni, che prende le mosse da una convinzione profonda: «A seconda dei casi e degli autori, la presenza del cibo nei libri è una forma del tempo e dello spazio, un piacere sostitutivo o complementare del piacere amoroso, un ricordo, un’allusione, un gesto dimostrativo; una delle tante funzioni del ritmo narrativo. Oppure: un dettaglio di vita quotidiana come tanti altri, un codice sociale, un segno (bello o brutto) del carattere dei personaggi, una dedizione, un’impazienza, una libertà, una banalità»." via [Minimum Fax](https://www.minimumfax.com)

Questo romanzo, pubblicato per la prima volta in Germania nel 1936, è scritto in prima persona dal punto di vista del personaggio principale, la cui visione disillusa sulla vita è dovuta alle terribili esperienze vissute nelle trincee sul fronte occidentale della Prima guerra mondiale; Remarque ci immerge nella tragedia post bellica dei sopravvissuti, che hanno i cadaveri dei compagni morti nel loro cuore e sempre li vedono davanti ai loro occhi. [www.iyezine.com/tre-camerati-d…](https://www.iyezine.com/tre-camerati-di-erich-maria-remarque)
fedilink

«Il progetto per la creazione del più grande gruppo editoriale di libri al mondo è stato cancellato. Lunedì Bertelsmann, la società multinazionale tedesca che possiede il gruppo Penguin Random House, l’attuale casa editrice più grande del mondo, ha annunciato di aver rinunciato all’acquisizione dell’americana Simon & Schuster per 2,2 miliardi di dollari (2,1 miliardi di euro). Se la fusione fosse avvenuta, i due gruppi avrebbero pubblicato più del 30 per cento di tutti i libri di intrattenimento degli Stati Uniti, il cui mercato editoriale è il più grande e il più influente al mondo.»

“La lunga strada per il #dottorato. Il dibattito sulla #formazione alla #ricerca in Italia dal 1923 al 1980” di @MariuzzoAndrea
**[“LA LUNGA STRADA PER IL DOTTORATO. IL DIBATTITO SULLA FORMAZIONE ALLA RICERCA IN ITALIA DAL 1923 AL 1980” DI ANDREA MARIUZZO](https://www.letture.org/la-lunga-strada-per-il-dottorato-il-dibattito-sulla-formazione-alla-ricerca-in-italia-andrea-mariuzzo)** Riportiamo la prima domanda dell'intervista al prof [@MariuzzoAndrea](https://poliversity.it/users/MariuzzoAndrea) , **[pubblicata su Letture.org](https://www.letture.org/la-lunga-strada-per-il-dottorato-il-dibattito-sulla-formazione-alla-ricerca-in-italia-andrea-mariuzzo)** > **Prof. Andrea Mariuzzo, Lei è autore del libro La lunga strada per il dottorato. Il dibattito sulla formazione alla ricerca in Italia dal 1923 al 1980, edito dal Mulino: quando e in quale contesto nasce l’istituto del dottorato di ricerca**? > Nella sua forma contemporanea, quella di dispositivo post-laurea di avvio agli alti studi attraverso un primo impegno attivo nella produzione di conoscenza, il dottorato si sviluppa negli ultimi decenni dell’Ottocento negli Stati Uniti. Per la forma di collaborazione seminariale che si instaurava tra docenti e studenti, così come per i numeri contenuti di partecipanti selezionati, esso riprendeva l’esperienza che molti laureati nordamericani con ambizioni accademiche compivano nell’Europa continentale e soprattutto nelle università di ricerca sviluppatesi nei decenni precedenti in Germania, allora centro della vita culturale soprattutto rispetto a un paese dalle enormi potenzialità produttive ma ancora periferico nella circolazione del sapere. Tant’è vero che anche il titolo di Philosophiae Doctor era la rielaborazione del titolo dottorale, uno dei più antichi e prestigiosi in uso nelle università medievali, avvenuta durante il revival accademico tedesco in età moderna. [(Il resto dell'intervista è disponibile a questo link)](https://www.letture.org/la-lunga-strada-per-il-dottorato-il-dibattito-sulla-formazione-alla-ricerca-in-italia-andrea-mariuzzo)
fedilink

"Plebe" antica e contemporanea, l'ebook di @mauvita, frutto di due anni di lavoro e di molti di più di studio.
**["PLEBE" ANTICA E CONTEMPORANEA, L'EBOOK DI MAURIZIO VITALE, FRUTTO DI DUE ANNI DI LAVORO E DI MOLTI DI PIÙ DI STUDIO](http://jadan.altervista.org/)** > E’ il risultato di due anni di lavoro e di molti di più di studio; se vi interessa leggerlo potete seguire i link. Di cosa parla? In poche righe, e premettendo che non si tratta di racconti o narrativa, la grande trasformazione che stiamo vivendo (e della quale la globalizzazione è un aspetto importante) ha generato un ceto disagiato all’interno delle società occidentali. Questo ceto disagiato è molto diverso dalle classi operaie del secolo scorso e presenta caratteristiche che mi hanno ricordato le condizioni della plebe romana del I secolo avanti Cristo. > Questo lavoro si divide quindi in due parti: nella prima ripasso la storia della plebe antica cercando di capire come e attraverso quali processi una vasta parte del popolo romano fu privata di ogni potere contrattuale e ridotta all’irrilevanza. E come da questo sia nato un conflitto secolare che noi oggi chiamiamo guerre civili, che si conclusero con la pace augustea e con la trasformazione dei nipoti di quel ceto lavoratore in una plebe panem et circenses. > Nella seconda parte si parla di oggi, di come la trasformazione che stiamo vivendo abbia mutato i caratteri dei ceti disagiati trasformandoli in una nuova plebe, privata di forza contrattuale ed economica che, non potendo più utilizzare gli strumenti classici del conflitto di un tempo (scioperi, manifestazioni, sindacati) perché ormai, per varie ragioni, del tutto inefficaci nell’epoca della trasformazione, cerca nuove forme di conflitto redistributivo. Il populismo è una di queste, forse ancora embrionale, ed è, secondo la mia opinione, la manifestazione politica del nuovo ceto disagiato occidentale, della nuova plebe. La sinistra storica, imbevuta di conflitti classici, non ha capito questa profonda trasformazione e si è trovata del tutto impotente e impreparata e, infatti, è stata sconfitta in praticamente tutti i Paesi occidentali. > In conclusione un paio di capitoli riguardanti il possibile domani e l’opinione diffusa che la soluzione sia di tipo augusteo, vale a dire trasformare i ceti disagiati in plebe oziosa mantenuta da un salario minimo, reso possibile dal surplus generato dalla futura automazione. Considero una prospettiva del genere, non solo deleteria per la dignità delle persone, ma anche molto difficile da realizzarsi nelle prossime generazioni. La mia opinione è che se mai verrà il giorno del nuovo panem et circenses, sarà solo dopo conflitti al momento non facilmente prevedibili. > Questo in poche righe. Se l’argomento vi interessa, non avete da far altro che scaricare questo lavoro ai link indicati; è disponibile in varie versioni ed è, ovviamente, gratuito. Se, nel caso, vi fosse piaciuto, vi chiedo solo di suggerirlo a chi possa interessare. E se avete osservazioni o critiche da fare, sarò ben lieto di leggerle. Per leggere Plebe [Plebe in PDF](http://jadan.altervista.org/alterpages/files/Plebe.pdf) [Plebe in Word](http://jadan.altervista.org/alterpages/files/Plebe.docx) [Plebe in Epub](http://jadan.altervista.org/alterpages/files/Plebe_Epub.epub) [Plebe in MOBI](http://jadan.altervista.org/alterpages/files/Plebe_MOBI.mobi) **[Qui il sito da cui scaricare l'ebook](http://jadan.altervista.org/)**
fedilink

"Quasi sette anni senza David Bowie (morto a New York nel gennaio del 2016), ma nessuna crisi del settimo anno: la sua figura è iconica come sempre anche fra le giovanissime generazioni e il libro edito da Il Saggiatore, Essere ribelli, raccolta di parti di interviste che assumono quasi uno stile aforistico, è un velocissimo ripasso delle ragioni del suo essere uno dei grandi artisti rock del Novecento." via [Critica Letteraria](https://www.criticaletteraria.org)

"L'11 novembre del 1922 nasceva a Indianapolis il grande Kurt Vonnegut, uno dei più importanti scrittori americani del Novecento. Bompiani sta ripubblicando la sua intera opera, come vi abbiamo raccontato [qui](https://www.bompiani.it/salotto/grandi-ritorni-kurt-vonnegut)." via [Bompiani.it](https://www.bompiani.it)

Bengt Jangfeldt, uno dei maggiori studiosi internazionali di letteratura russa, offre la prima biografia completa di Majakovskij, rivelando un uomo travagliato, più sognatore che rivoluzionario, più politico romantico che comunista. Un libro meraviglioso che ci svela un poeta affascinante, contraddittorio e frustrante, con una vita che si concluse drammaticamente: il proiettile che penetrò nel cuore di Vladimir Majakovskij fece a pezzi anche il sogno del comunismo e segnò l’inizio dell’incubo stalinista degli anni Trenta. ![](https://feddit.it/pictrs/image/4428ed3e-1bd3-4e4e-b1b9-ca01cdac67b4.jpeg) *Nessuno scrittore ha avuto un’immagine pubblica plasmata in modo cosí drammatico come Vladimir Majakovskij. Nato nel 1893 e morto suicida nel 1930, visse con un’intensità estenuante i suoi brevi trentasei anni, colmandoli di poesia, teatro, politica e passioni. Personaggio paradossale, incarnò l’avanguardia politica ed estetica dei primi decenni del Novecento. Al tempo stesso, fu un artista al servizio della Rivoluzione. Il suo destino fu segnato dalla tumultuosa relazione con Lili Brik. Il momento decisivo di tutta la sua esistenza è infatti rintracciabile in quel giorno del luglio 1915 nel quale lesse la sua Nuvola in calzoni nell’appartamento di Lili e Osip Brik. Da quella sera in poi, Majakovskij, Lili e Osip divennero inseparabili. Per quindici anni vissero insieme una delle relazioni piú straordinarie. Negli anni Venti, la costellazione MajakovskijBrik divenne l’incarnazione stessa della provocazione letteraria e di una nuova moralità: Vladimir, ovvero il principale poeta della Rivoluzione; Osip, uno dei massimi critici culturali; Lili, il simbolo della donna moderna liberata dalle catene morali della società borghese. Negli ultimi anni, Majakovskij si rese conto di non avere più un ruolo: non c’era più posto per lui nella società che stava prendendo forma, nella quale la letteratura e la politica letteraria erano dominate da individui le cui «qualità» non erano letterarie. Era l’epoca in cui Stalin terrorizzava il milieu degli artisti e dei dirigenti di partito con le sue purghe.  Bengt Jangfeldt ricuce la vita e l’opera del poeta alla luce delle drammatiche turbolenze del tempo: dalle innovazioni estetiche dell’avanguardia prerivoluzionaria alle rigidità del realismo socialista, dalla tragedia della Prima guerra mondiale alla violenza e alla speranza nella Rivoluzione bolscevica, dall’avvento del terrore stalinista alla crescente disillusione per il comunismo russo che portò il poeta a togliersi la vita. L’autore ha fatto riemergere dagli archivi dei servizi segreti sovietici, britannici e francesi documenti e immagini inediti e per decenni ha raccolto di prima mano le testimonianze di persone che conobbero «dal di dentro» Majakovskij, prima tra tutte Lili Brik. Questa biografia è stata definita, nelle varie edizioni all’estero, un capolavoro per stile del racconto e per la luce che pone finalmente su una figura tanto controversa.* È uscito il 15/11/2022 per Neri Pozza.

Giustizia di Friedrich Dürrenmatt
A Zurigo un politico commette un omicidio davanti agli occhi di tutti e, una volta incarcerato, ingaggia un detective squattrinato per dimostrare che non ha commesso quel delitto. Perché lo fa?.. “Giustizia” di Friedrich Dürrenmatt. [www.iyezine.com/giustizia-di-f…](https://www.iyezine.com/giustizia-di-friedrich-durrenmatt)
fedilink

«Cadossene è un’isola sospesa fuori dal tempo la cui società si basa su un ineluttabile rito di passaggio: quando arriva il momento, i figli devono portare al Monte i loro genitori e ucciderli con il *randèll*, il bastone rituale. Nessuno può sottrarsi al dovere dell’***Adeu***, neanche Eloi, il protagonista del romanzo d’esordio di **Ignazio Caruso** per **Giulio Perrone Editore**. Nonostante suo padre Nevio si prenda ancora quotidianamente cura di lui, quando arriva l’ora dell’Adeu il giovane deve assolvere il suo compito e intraprendere l’ultimo viaggio con il genitore. Basato su un’antica leggenda della tradizione locale, il romanzo di Caruso evoca una Sardegna mitica e fuori dal tempo in cui il segreto dell’autarchia e dell’indipendenza sta nel liberare la società dai vecchi. Ne abbiamo discusso con l’autore.»

Fantascienza
(disclaimer: Primo post, sto prendendo le misure anche di come funziona. Mi piacerebbe aprire una sezione a parte per non disturbare chi non fosse interessato all'argomento, ma intanto diciamo che questa è una prova. Feedback se quello che scrivo non dovesse andare bene - perché fuori luogo o altro - sono graditi) Fantascienza: un genere pensato più spesso per l'intrattenimento, ma non solo. Per quelli a cui piace, vorrei raccogliere indicazioni, suggerimenti recensioni e consigli. Intanto, alcuni luoghi per appassionati di fantascienza, dove poter recuperare informazioni, recensioni, racconti e, volendo anche perdere tempo con qualche chiacchiera. racconti: Ce ne sono alcuni nel sito dei NASF - [qualcosa di gratuito qui](https://www.assonuoviautori.org/ebook) (ovvio, c'è di più e ci sono anche i racconti che scrivono i frequentatori del luogo) Poi chiacchiere, news e altro (e anche racconti degli utenti) [qua](https://dontpanicten.it/) [Libri](https://www.ebookservice.net/index.php?categoria=ebooks-fantascienza-fantasy&cat=9&ord=3) Il problema però non è tanto "trovare libri gratis" o libri di fantascienza in generale cioè anche a pagamento- con un motore di ricerca, se ne possono collezionare non pochi. Il problema è trovare recensioni affidabili, non di parte, che aiutino a scegliere e recuperare qualcosa che valga davvero la pena di leggere, anche solo per divertimento. Per questo l'idea era trovare o creare una community di piccole dimensioni di interessati che non fosse trainata da una casa editrice/una lobby/gente pagata per parlare bene di qualcosa che magari manco ha letto, dove potersi scambiare informazioni sul genere e sul disponibile. Anche una vetrina, volendo, ma pacata.
7

"Nel suo studio Nick Hornby ha due poster, che rappresentano Prince e Dickens. Cos'hanno di speciale questi due artisti? Per scoprirlo dobbiamo leggere Dickens e Prince, una singolare biografia romanzata che è appena uscita per Guanda, che denota la grande ammirazione di Hornby per due artisti geniali che hanno avuto una fortuna oscillante, ma che sono ormai indimenticabili." via [Criticaletteraria.org](https://www.criticaletteraria.org)

  • Baylee
  • 21 giorni
Dove acquistare gli ebook?
Si cerca sempre di sostenere le piccole librerie indipendenti, sia andandosele a cercare fisicamente sia ordinando libri tramite piattaforme come [Bookdealer](https://www.bookdealer.it/), ma per quanto riguarda gli ebook? Ci sono dei modi più etici di altri per procurarseli? Ovviamente se avete un Kindle, dipendete totalmente da Amazon per gli acquisti (a meno di non usare metodi illegali, che non sono oggetto di questo thread). Se avete un qualunque dispositivo che legge epub (Kobo, Tolino, Onyx, etc…), al di là degli store più famosi (Mondadori, Ibs…), ce ne sono due che magari vi farà piacere conoscere. Il primo è [Bookrepublic](https://www.bookrepublic.it/). Si presenta come la prima libreria italiana a vendere esclusivamente ebook e, oltre ad avere la classica newsletter giornaliera con le offerte, offre una serie di percorsi tematici pieni di spunti di lettura su temi del momento (per esempio, adesso ce n’è uno sulla guerra in Ucraina). Ma l’aspetto che mi piace di più è che non possono essere acquistati spazi promozionali, il che si traduce nel fatto che tutti i libri, e tutte le case editrici piccole e grandi, sono sullo stesso piano. È molto più facile che altrove entrare in contatto con libri di proprio interesse, anche se sono pubblicati da piccole e misconosciute case editrici. Il secondo è [MLOL Plus](https://www.mlolplus.it/Media). Il sito è la versione a pagamento di MediaLibraryOnLine ([MLOL](https://www.medialibrary.it/home/index.aspx)), la principale biblioteca digitale italiana. È quindi possibile prendere in prestito ebook dopo aver sottoscritto un abbonamento (e magari ne riparliamo se vi interessa), ma è anche possibile acquistare ebook, guadagnando dei crediti che possono essere “spesi” prendendo in prestito un altro ebook e contribuendo a sostenere il digitale nelle biblioteche italiane. Infatti, tolti i costi di produzione e distribuzione, l’importo viene interamente girato alle biblioteche. Naturalmente questi sono i servizi che conosco, uso e mi sembrano meglio di altri, ma se sapete di qualche loro pecca o alternativa migliore, sono tutta orecchie!

Oggi siamo qui nello studiolo di Federico Zenoni – che si presenta come illustratore, batterista autodidatta e psicoeditore – ingombro all'inverosimile di rotoli, colori, pile di carta, scatole, cd e musicassette, e dove troneggiano le due enormi casse acustiche del piccolo impianto audio; qui per un'intervista al conduttore della curiosa “Casa Editrice LIBERA e SENZA IMPEGNI” ... [www.iyezine.com/zenoni](https://www.iyezine.com/zenoni)
fedilink

L’angolo del lettore
!libri

    Ciao a tutti e benevenuti ne “L’angolo del lettore”, la prima comunità di Feddit dedicata alla lettura.

    Qui possiamo condividere consigli di lettura, opinioni personali e recensioni, interviste ad autori/editori/addetti ai lavori e novità in uscita.

    Per prima cosa vi invito a dare un’occhiata al post “Guida all’utilizzo di Feddit” e alla sidebar contenente le regole del server Feddit.

    https://feddit.it/post/6

    In aggiunta alle regole del server, eccone altre relative alla nostra comunità:

    🚫 Non è consentito usare questo spazio per promuovere e/o spammare libri autoprodotti.

    🚫 Pubblicando una recensione è assolutamente obbligatorio includere un AVVISO SPOILER, se presente.

    ⚠ Evitiamo di usare link Amazon o di altri grossi store preferendo, ove possibile, la pagina dedicata sul sito dell’editore.

    Il rispetto reciproco è fondamentale per creare un luogo di confronto sereno e piacevole.

    Pensiamo prima di postare e/o commentare… 🤔

    • 0 users online
    • 1 user / day
    • 5 users / week
    • 19 users / month
    • 63 users / 6 months
    • 323 subscribers
    • 224 Posts
    • 295 Comments
    • Modlog