Chat Control 2: l’Europa vuole introdurre la sorveglianza globale affidata ai privati
www.valigiablu.it
external-link
La Commissione Europea ha presentato una proposta di legge che prevede il monitoraggio di tutti i sistemi di comunicazione interpersonali per verificare l'eventuale presenza di materiale pedopornografico o di abusi sessuali sui minori. Ma il provvedimento potrebbe danneggiare proprio i cittadini più vulnerabili.

🇪🇺 Unione Europea: l’Unione avanza per rendere permanente Chat Control, il regolamento europeo che, per combattere la pedopornografia, obbliga i fornitori di servizi di comunicazione a monitorare le conversazioni online di cittadine e cittadini.

“L’intero progetto di legge è intriso di paternalismo, e mina la fiducia nelle istituzioni, prendendo la strada della sorveglianza di massa indiscriminata, del controllo e del monitoraggio di tutte le conversazioni e scambi di dati online (come se alla Posta aprissero tutte le lettere e i pacchi), arrivando sostanzialmente a eliminare del tutto le comunicazioni anonime” commenta l’avvocato Bruno Saetta, aggiungendo: “La cosa più grave è che questa tecnologia privatizzerà la giustizia penale, mettendo nelle mani di aziende private il controllo dei messaggi e quindi lo stabilire chi è che commette un reato. Si tratta di una tecnologia che può essere facilmente utilizzata per finalità ulteriori”.

Neanche i servizi che implementano una crittografia totale (end-to-end) sono esenti, in quanto saranno obbligati a scansionare le conversazioni sul dispositivo prima che vengano inviate al server (e quindi crittografate). L’avvocato fa inoltre notare come già a oggi le forze dell’ordine non riescano a gestire tutte le segnalazioni manuali, e che quindi non sarà un sistema di rete a strascico a risolvere il problema (creando anzi vari falsi positivi). Chi cerca simil materiale, non lo fa infatti alla luce del sole, bensì usando piattaforme segrete autogestite nella parte non visibile della rete. Che servono quindi più risorse per indagini sottocopertura in questi spazi, piuttosto che un moltiplicarsi di segnalazioni già a oggi ingestibili - e che causerebbero molti più problemi di quelli che vorrebbero risolvere.

Etica Digitale ci tiene a ribadire il suo più grande sdegno e dissenso verso questa misura, ripudiata persino da associazioni per la protezione dell’infanzia

#notizia #legge #sorveglianza @eticadigitale

@ColorIsh
link
fedilink
214 giorni

Mettiamo che io usi una app open source per parlare con gente. Cosa ci impedisce di usare una fork senza lo scansionamento? Buttano giù Git perché “mina la sicurezza dei nostri bambini”?

Etica Digitale è un gruppo volontario indipendente di ragazzi e ragazze con l’intento di riportare la persona e i diritti al centro del dibattito tecnologico.

Se fatto nel rispetto del regolamento, ogni contributo è benvenuto!

Regolamento:

  1. Rispetto e cordialità sempre
  2. Niente troll
  3. Niente pubblicità
  4. Evitare di andare fuori tema nelle discussioni
  5. Evitare discorsi con sfondi politici o propagandistici che non siano strettamente correlati agli argomenti trattati
  6. No attività illegali
  7. Non importunare le e gli utenti in privato.

Alcune informazioni utili:
🔹 Sito: eticadigitale.org
📧 Email: etica.digitale@mailfence.com
🦣 Mastodon
📣 Telegram (canale)
👥 Telegram (gruppo)

  • 0 users online
  • 4 users / day
  • 13 users / week
  • 34 users / month
  • 38 users / 6 months
  • 94 subscribers
  • 72 Posts
  • 79 Comments
  • Modlog