Teaching and learning with decentralized social networks: Friendica and the Free Network
medium.com
external-link
With social media such a central aspect of our lives, it is only natural that educators would want to utilize it as a pedagogical tool and…

Riportiamo la traduzione del post di Matthew Turner, pubblicato su Medium

Con i social media un aspetto così centrale della nostra vita, è naturale che gli educatori vogliano utilizzarli come strumento pedagogico ed educare gli studenti su come usarli in modo appropriato. Ma le preoccupazioni su come le grandi aziende come Facebook utilizzano i dati personali e i contenuti prodotti dagli utenti (per non parlare delle restrizioni di età) hanno portato gli insegnanti a evitarne l’uso, ma ci sono alternative.

Non c’è dubbio che i social media hanno numerose applicazioni in un contesto di apprendimento: gli insegnanti possono pubblicare notifiche, insegnanti e studenti possono condividere risorse utili, forum di discussione possono essere creati, documenti possono essere condivisi e compiti inviati, progetti collaborativi possono essere completati - tutto questo può essere fatto ovunque / in qualsiasi momento su dispositivi mobili, la tecnologia preferita degli utenti dei social media, abbattere i confini della classe.

E dato che gli studenti stanno già utilizzando i social media come parte della loro vita quotidiana, non solo sono già esperti nel suo utilizzo, ci aspettiamo che probabilmente trovino anche l’esperienza abbastanza coinvolgente.

C’è anche l’argomento che è responsabilità degli educatori garantire che gli studenti imparino come utilizzare i social media in modo responsabile, diventare “netizen” responsabili ed evitare di commettere errori sui social media che potrebbero influenzare le loro vite future.

Tuttavia, con il crescente controllo pubblico di Facebook su come gestiscono i dati personali e la privacy, e il fatto che è evidente che sono particolarmente interessati ai dati personali dei giovani, può sembrare controintuitivo sostenere che i social media hanno un posto in classe. Tuttavia, è proprio per questo motivo che gli studenti devono conoscere le questioni che circondano i social media, ed è fondamentale che gli educatori adottino misure per garantire che gli studenti migliorino la loro alfabetizzazione sui social media.

Per fortuna, ci sono alternative a Facebook e ad altre piattaforme di social media orientate al profitto che offrono le stesse funzionalità dal punto di vista degli educatori, ma senza pubblicità, controllo aziendale dei dati e dei contenuti degli utenti e violazione della privacy. Questo articolo si concentrerà sul social network Friendica, ma ci sono varie reti che comunicano tutte tra loro, tutte interconnesse come parte di quella che viene chiamata la più grande Rete Libera di social networking.

Insegnante! Se useremo i social media per la classe, perché non usiamo solo Facebook o Instagram?

La piattaforma di social networking Friendica è una piattaforma non aziendale, open source e decentralizzata che, per l’utente, funziona in molti degli stessi modi di Facebook, ma senza tutta l’attività di ricerca del profitto. Non ha limiti di età, gli utenti non devono usare i loro veri nomi e non ci sono preoccupazioni sul https://theconversation.com/why-schools-and-corporate-brands-shouldnt-mix-6087. È anche un po 'oscuro, quindi è disconnesso dai social media di cui la maggior parte degli studenti fa già parte, che potrebbero voler tenere separati dalla loro attività di social media scolastica comunque. Detto questo, Friendica può essere configurato in modo che gli utenti possano pubblicare su Facebook, comunicare su Twitter e ottenere contenuti Tumblr, Wordpress o RSS, quindi non deve essere totalmente tagliato fuori da altre piattaforme multimediali.

Mobile Friendica. Fonte: https://github.com/friendica/friendica

Quando vai alla registrazione, il primo passo è selezionare un “nodo”. Poiché la rete è decentralizzata, è necessario scegliere una posizione per ospitare i dati. I nodi si trovano in tutto il mondo, quindi puoi scegliere un paese che ha leggi sulla privacy digitale di cui sei soddisfatto. Per gli educatori canadesi questo è particolarmente significativo perché il Personal Information Protection and Electronic Documents Act (PIPEDA) (una legge federale, ma molte province hanno atti simili), non consente alle organizzazioni governative di archiviare o condividere dati personali al di fuori del paese. Le scuole possono scegliere di utilizzare un nodo ospitato in Canada o possono persino impostare il proprio pod utilizzando il software open source fornito dalla rete. Questa opzione è ideale sia per motivi educativi che di sicurezza: gli amministratori dei nodi sono le uniche persone che possono guardare i dati di un utente e hanno la possibilità di bloccare altri utenti o addirittura interi nodi, il che significa che una scuola ha molto controllo sulla rete. Il nodo può essere limitato ai membri del server, ad esempio la comunità scolastica e solo ai partecipanti invitati. Può essere aperto alla comunicazione con nodi specifici sulla rete, come altre scuole che hanno il proprio sito Free Network, o nodi specifici che rappresentano una particolare area di interesse come una ONG, una particolare comunità o qualche altra organizzazione.

Insegnante! Mi sono iscritto, ma la mia bacheca è così noiosa!

Dopo aver selezionato il nodo, ti iscrivi. Non sei tenuto a condividere alcuna informazione su di te diverso da un indirizzo e-mail in cui viene inviata la tua password di accesso iniziale. Ti assegni un handle e accedi. Non ci sono termini e condizioni (che di solito non leggiamo e poi accettiamo) – non sono necessari – hai il controllo assoluto sui tuoi dati da fare come vuoi: puoi farlo, cambiarlo, spostarlo (nel caso in cui tu voglia cambiare nodi) o eliminarlo per sempre. Non è soggetto a sorveglianza, data mining o profilazione ai fini della pubblicità mirata o dei dati demografici. Una volta eliminato, è sparito per sempre.

Questo rende Friendica uno spazio in cui gli studenti possono commettere errori sui social media che possono essere ripresi; dove i nostri sé più giovani possono pubblicare cose che i nostri vecchi imbarazzati possono cancellare; dove non siamo responsabili al 100% per sempre.

La bacheca di Friendica. Fonte: https://github.com/friendica/friendica

Quando finalmente arrivi alla tua bacheca, assomiglia molto a una bacheca di Facebook, meno la pubblicità e il flusso costante di pulsanti e notifiche che competono per la tua attenzione. Friendica ha voglia di camminare lungo una strada laterale assonnata fino al quartiere dei divertimenti del centro di Facebook il sabato sera; e questo è bello: ti dà spazio per respirare, spazio per pensare. Ciò è particolarmente utile per scopi didattici: gli studenti possono utilizzare lo spazio senza essere interrotti da pubblicità mirata, aggiornamenti di stato e messaggi personali; possono prendersi un momento per respirare e pensare a ciò che stanno guardando o in procinto di pubblicare. Questo non vuol dire che gli studenti non possano o non vogliano usare il loro account Friendica per socializzare, è fatto per questo, ma poiché è al di fuori delle loro solite reti di social media possono trattarlo in modo diverso, considerando attentamente i loro commenti e post perché fa parte del loro ambiente scolastico e questo comportamento può trasferirsi al loro solito uso dei social media.

Insegnante! Non mi piace come funziona la funzione ____!

Friendica è un software totalmente open source, il che significa che se agli studenti non piace qualcosa, possono imparare come cambiarlo. Ciò significa che possono imparare a diventare essi stessi sviluppatori attivi del software dei social media, aggiungendo un significato completamente nuovo al concetto di alfabetizzazione critica dei social media. I progetti di classe possono includere una riprogettazione della parete domestica, la reingegnerizzazione di un particolare plug-in o la progettazione di uno nuovo o la creazione di un’app mobile Friendica completamente nuova.

Insegnante! Se Friendica non ha pubblicità, non raccoglie le mie informazioni, non mi fa pagare nulla, come fa a fare soldi?

Forse una delle lezioni più preziose che gli studenti possono imparare da tutto questo è che confrontando Friendica con i social media che già utilizzano, possono vedere come Facebook genera profitto da un prodotto davvero unico: i dati e il contenuto degli utenti stessi. Questa consapevolezza critica sulla natura dei social media, oltre alle lezioni apprese sulla privacy, il controllo delle informazioni personali e la proprietà dei contenuti, facilita una decisione informata sull’opportunità o meno di partecipare a determinate forme di social media, quanto di se stessi sono disposti a condividere o anche se vogliono sostenere cambiamenti nel modo in cui i social media funzionano in futuro.

Oltre a una preziosa esperienza educativa, forse gli studenti che imparano con Friendica si aggrapperanno anche a un profilo di Free Network con un’app sul proprio dispositivo mobile, rappresentando solo un piccolo angolo della loro vita digitale non soggetto a controllo e sfruttamento aziendale. Senza pubblicità. Nessuna bolla. Non spingere. Proprio. Forse questo è un motivo sufficiente per usarlo.

La pagina principale di Friendica può essere trovata qui: https://friendi.ca/

Che succede nel Fediverso?
!fediverso

    Questo canale è dedicato a notizie e aggiornamenti sul fediverso e alla comunicazione di iniziative ed eventi che adottano il fediverso come strumento di diffusione sociale.

    https://poliverso.org/profile/notizie

    NB: gli utenti si assumono la responsabilità di ciò che scrivono; sono comunque vietati gli off topic, il linguaggio aggressivo e i contenuti illegali e pornografici.

    • 0 users online
    • 2 users / day
    • 3 users / week
    • 6 users / month
    • 58 users / 6 months
    • 106 subscribers
    • 65 Posts
    • 210 Comments
    • Modlog