• 838 Posts
  • 250 Comments
Joined 2 years ago
cake
Cake day: May 17th, 2022

help-circle














  • Ottimo riflesso. Abbiamo riconquistato un brandello di dignità, ma dobbiamo davvero continuare a contestare.

    Nel 2020 ha rilasciato un’intervista Nils Melzer, il Relatore speciale delle Nazioni Unite contro la tortura dal 2016 al 2022, per coloro che sono interessati. Melzer ha criticato i governi degli Stati Uniti, del Regno Unito, dell’Ecuador e della Svezia per il trattamento riservato a Julian Assange.

    È una lettura lunga, ma vale il tempo.

    “Un sistema omicida viene creato davanti ai nostri occhi” (2020, in inglese)

    Una falsa accusa di stupro e prove fabbricate in Svezia, pressioni dal Regno Unito per non lasciar cadere il caso, un giudice prevenuto, detenzione in una prigione di massima sicurezza, tortura psicologica - e presto estradazione negli Stati Uniti, dove poteva affrontare fino a 175 anni di carcere per aver denunciato crimini di guerra. Per la prima volta, il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura, Nils Melzer, parla in dettaglio dei risultati esplosivi della sua indagine sul caso del fondatore di Wikileaks Julian Assange


  • Forse non lo capisco, ma non so cosa fare con questo articolo.

    Speriamo che l’Australia e la Cina si avvicinino, ma a causa dei Panda?

    Albanese diceva di aver sollevato il tema del bullismo militare con Li, perché le navi australiane hanno incassato di recente azioni ostili da parte della Marina e dell’Aviazione militare cinese (come l’uso pericoloso di sonar da parte di una fregata cinese).

    E gli ha chiesto anche notizie di Yang Hengjun, uno scrittore cinese naturalizzato australiano condannato a morte lo scorso febbraio (e lui non è l’unico con un tale destino).

    Durante la conferenza stampa, in sala c’era anche Cheng Lei, una giornalista australiana (di origine cinese) che ha trascorso tre anni in una prigione di Pechino per “aver diffuso all’estero segreti statali” (anche se la corte non ha mai detto quali fossero esattamente questi segreti), ed è stata rilasciata nel 2023.

    Cheng era in sala per seguire l’evento con Albanese e Li come giornalista. Un dipendente dell’ambasciata cinese, seduto davanti a lei, si è alzato per impedirle di essere ripresa dalla telecamera della sua troupe. Cheng ha cambiato posto, ma subito un altro uomo cinese si è parato davanti. Sono dovuti intervenire funzionari australiani per mettere fine alla farsa.

    Cheng credeva che “i cinesi volessero impedirmi di fare domande che potessero dare una cattiva luce della situazione”. Era chiaramente un altro ‘bullismo’ dal parte della Cina. Ma le relazioni internazionali dovrebbero basarsi sul rispetto reciproco piuttosto che sui Panda. I gesti simbolici non compensano la mancanza di rispetto per i diritti umani.

    (Un piccolo dettaglio: La settimana prima della conferenza stampa la giornalista Cheng è andata in scena in un teatro di Melbourne con un testo scritto assieme a una dissidente cinese. “Ringrazio il premier di Pechino per l’ospitalità gratuita”, ha detto riferendosi ai tre anni trascorsi in un prigione cinese. “sarebbe bello poter ricambiare il favore”. Almeno la giornalista Cheng ha mantenuto il suo senso dell’umorismo.)

    Scusate per il commento lungo.





















  • Sì, sembra così, anche se non sono sicuro che la nostra attuale forma di capitalismo sia “rovesciata” come suggerisce Varoufakis secondo l’articolo di Wired (non ho Letto il libro).

    In poche parole, direi piuttosto che si tratta di un’ulteriore concentrazione di capitale, che abbiamo osservato fin dalla prima rivoluzione industriale. Probabilmente la velocità di questa concentrazione è molto più alta di quanto non fosse prima (Frederick Taylor e Henry Ford celebrerebbero oggi), ma è ancora lo stesso sviluppo. Questo suggeriscono anche Meijas e Couldry.

    Ad esempio, la sorveglianza è una delle principali caratteristiche della gestione moderna e ha sicuramente raggiunto livelli senza precedenti. Tuttavia, non è una nuova intuizione. Anche Karl Marx ha osservato nel 19 º secolo che la sorveglianza è un importante strumento di gestione capitalistica come da lui inteso (disclaimer: Sono per lo più d’accordo con l’analisi economica di Marx, ma non con le implementazioni politiche, né nel XX né nel XXI secolo; il cosiddetto comunismo e qualsiasi centralizzazione dell’economia era e sarà un errore e un fallimento).

    Quindi non è una “rivoluzione”, ma piuttosto lo stesso sviluppo a mio modesto parere. Ma forse sono pignolo.