Nonostante la defezione di Bourla e l’irritazione di Kathleen Van Brempt, presidente della Commissione, non è mancato un colpo di scena. Rob Roos, eurodeputato olandese del Gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei, ha rivolto alla Small una domanda secca, prendendola in contropiede. «Il vaccino Pfizer Covid è stato testato per fermare la trasmissione del virus prima che entrasse nel mercato?». Small ha risposto con un sorriso beffardo: «Mi chiede se sapevamo che il vaccino interrompesse o no la trasmissione prima di immetterlo sul mercato? Ma no. Sa, dovevamo davvero muoverci alla velocità della scienza».

  • PoliversoMA
    link
    32 years ago

    Nota di moderazione: si tratta di un articolo disinformativo e, come nello stile dell’indipendente online, volutamente provocatorio e strillato. Se fosse stato pubblicato nella comunità scienze, avrei provveduto a cancellarlo, ma Bisogna ammettere che queste presunte rivelazioni hanno avuto una eco spropositata qui in Italia e quindi è giusto parlarne.

    Per un’analisi della questione, rimandiamo a questo tweet di Salvo Di Grazia https://twitter.com/MedBunker/status/1580884460522049536

    • iam0dayOPM
      link
      1
      edit-2
      2 years ago

      Ciao, quali parti sono precisamente disinformative? Inoltre, esiste una contro risposta che non provenga da nessun utente di Twitter, ad esempio da bufale.net?

      Ti riporto il loro obbiettivo… Non voglio alludere a niente ma forse ti sei confuso con un sito con il nome simile.

      • PoliversoMA
        link
        3
        edit-2
        2 years ago

        premessa

        Una premessa: se preferisci non andare su twitter, ti lascio il link 2ripulito" ( https://nitter.it/MedBunker/status/1580884460522049536 ); se invece ti riferisci alla credibilità dell’account in questione, sappi che si tratta di un divulgatore molto noto e apprezzato che si dedica da anni al debunking su questioni mediche (med + bunker).

        Qui puoi trovare il testo impaginato in modo più leggibile.

        Non ho veramente nulla da aggiungere a quel post, se non che (rispetto a debunker) condivido le critiche della “giornalista” (in realtà è una blogger) alla linea politica del governo, benché sia opportuno contestualizzarle e, soprattutto, riconoscere che il governo ha ottenuto il risultato che dal punto di vista sanitario è stato migliore. E questo invece non viene MAI riconosciuto dai critici del governo (infatti si tratta di persone che ricicciano cose che si sapevano già da tempo proprio per criticare il governo).

        Ma attenzione: il fatto che il governo abbia ottenuto un risultato sanitario migliore con la campagna vaccinale (solo lì, la crociata allo smart working, l’indiscriminato “liberi tutti” per i vaccinati e “la scuola in presenza perché sì” sono state scelte irresponsabili) non toglie che abbia scelto la strada più comoda, più sbagliata e che più ha determinato fratture, dubbi, rabbia, rassegnazione e sfiducia nella nazione; ma soprattutto l’erosione di diritti che davamo per scontati. Un “crimine” politico i cui autori probabilmente non verranno mai condannati e che anzi, temo, sandirà un facile modello per i governi prossimi.

        (ne ho parlato diverse volte: https://twitter.com/informapirata/status/1580496161663614976 )

        l’indipendente. quale?

        Tornando alla tua domanda, no, ti confermo che non ho fatto alcuna confusione @iam0day@feddit.it 😅! Conosco bene il progetto editoriale “L’Indipendente” è mi hanno sempre interessato sia la sua linea editoriale, sia il suo business model, basato su pubblicità e donazioni da parte di lettori.

        La linea editoriale è perfetta, perché offre una veste editoriale ben fatta, articoli scritti in un italiano corretto anche quando si tratta di traduzioni dall’inglese e la capacità di strizzare l’occhio a un certo pubblico che, benché sia attratto dalla disinformazione, mostra la capacità di evitare la stampa spazzatura fin dal primo impatto.

        Ed è qui che L’Indipendente dà il meglio di sé, dal momento che il primo impatto è molto buono.

        In realtà un’analisi degli articoli ti fa capire che le posizioni espresse sono sempre un buon distillato degli articoli di disinformazione che, a ondate, pervadono il web.

        Tutto ciò gli consente di cavalcare l’onda, guadagnare in visualizzazioni, ma soprattutto di distinguersi dagli altri prodotti web di qualità (Valigia Blu e Il Post, per dire, non intercettano un certo tipo di pubblico perché si discostano troppo dai flussi disinformativi e non dànno soddisfazione all’utente affascinato dalle verità alternative.

        a che pro?

        Fondamentalmente, L’indipendente on-line è un prodotto che è fatto per intercettare un profilo utente, diciamo così, “grillino avanzato, un po’ a sinistra, ma con un pezzetto di cuore nella destra sociale, con una formazione culturale media o medio-alta”! Con grillino intendo quel pubblico eterogeneo che è stato intercettato dai 5s: quello che va dal movimentismo di sx al giustizialismo di dx, dalla controinformazione al complottismo, dall’ambientalismo dei rimedi naturali alla diffidenza Vs la scienza ufficiale. Con grillino avanzato, invece, intendo tutto quello che ho detto sopra, ma con qualche anticorpo in più (l’anticorpo, per dire, che consente di evitare monnezza tipo byoblu marcianò o sputnik)…

        Ma a cosa servirebbe questa linea editoriale?

        Non sono in grado di fornire risposte, ma per provare a inquadrare la questione, ti accenno solo al fatto che dietro a quella società editoriale ci sono persone vicine a Fabrizio Rondolino, il quale, ex uomo ombra di D’Alema e oggi fervente Renziano della cerchia più stretta, siede anche nel direttivo di una delle editrici collegate…

        (DV Network è la stessa casa editrice che pubblica l’indipendente e che pubblica Dolcevita)

        Considerando la linea editoriale che tengono all’indipendente, tutto mi sarei aspettato tranne che trovare quel personaggio. Ma dopo la pubblicazione delle intercettazioni in cui Rondolino suggeriva ai rignanos la manipolazione di un certo elettorato per demotivarlo, ho avuto l’impressione che quella iniziativa editoriale fosse parte del “piano”.

        Se non è chiaro quello cui sto riferendomi, ecco il link in questione: https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/11/14/dopo-il-m5s-ce-solo-lastensionismo-la-frase-di-rondolino-e-agghiacciante-ma-sono-daccordo-vi-spiego-perche/6390271/

        Ricorda “Non dobbiamo perdere tempo a riconquistare l’elettorato: dobbiamo spingerlo a non votare più”

        Un piano riuscitissimo, va detto!

        Non credo che Rondolino punti al target “grillino” per ottenere voti, ma che voglia allevare un pubblico simil-grillino, un po’ più istruito e preparato e la media per profilarlo, allontanarlo dalla “fonte” dell’apparato informativo del MoVimento, apparato informativo oggi estremamente disorganizzato, e sfruttarlo al momento giusto.

        perchè non mi piace L’Indipendente?

        L’Indipendente non mi piace perché secondo me è uno strumento che strizza l’occhio alla disinformazione in maniera molto più ambigua, insidiosa e pericolosa di quanto non facciano certi articoli in giornali come “La Verità” o siti monnezza come Byoblu.

        Non mi piace perché non mi piace Rondolino.

        Non mi piace perché per me è impensabile che i giornalisti che vi lavorano non siano consapevoli dell’operazione cui stanno contibuendo.

        Non mi piace, ma lo leggo spesso. Ogni volta che voglio avere una selezione attenta e ragionata della disinformazione attuale. In pratica per me è come leggere una specie di L’Internazionale della disinformazione

        • iam0dayOPM
          link
          1
          edit-2
          2 years ago

          Innanzitutto grazie per l’ottima risposta. Vorrei chiarire - se non sottolineare - che quella testata è una fonte - la prendo per lo più per una contro-risposta quando capita - come tutte le altre, quindi in quanto tale non la considero nemmeno la bibbia (come quasi tutte le fonti che ho nella mia lista in realtà, non mi faccio convincere facilmente da nessuno) e come in ogni cosa i miei occhi mettono in dubbio tutto ciò che leggono (e molte volte faccio brainstorming su queste cose) fino a prova contraria.

          condivido le critiche della “giornalista” (in realtà è una blogger) alla linea politica del governo, benché sia opportuno contestualizzarle e, soprattutto, riconoscere che il governo ha ottenuto il risultato che dal punto di vista sanitario è stato migliore.

          Mi permetto di dire che secondo me è stato meglio solo per il governo, o per l’UE, ma non per i cittadini o per alcune industrie - intendo soprattutto aziende o imprese locali - per quanto riguarda i primi la chiusura forzata ha solo smorzato le ondate di COVID-19 ma non le ha affatto fermate o attenuate come hanno gridato i politici - non sono competente ma penso al fatto che la ““reclusione forzata”” obbligatoria senza reali garanzie a casa per un lungo periodo di tempo ha causato [certamente non pochi problemi di salute mentale](https://www. epicentro.iss.it/coronavirus/sars-cov-2-salute-mentale), e c’erano anche consuetudini a livello di comunicazione che davano origine a molti altri problemi - e per quest’ultimi era un periodo che sicuramente vedevano veramente un futuro buio (inteso il fallimento stesso) perché con le fabbriche che non potevano operare a pieno regime e alcune anche vuote di certo causavano non pochi problemi, sia per il lato finanziario che per l’immagine, oltre che sicuramente tutto questo impattava sulla disoccupazione.

          il fatto che il governo abbia ottenuto un risultato sanitario migliore con la campagna vaccinale (solo lì, la crociata allo smart working, l’indiscriminato “liberi tutti” per i vaccinati e “la scuola in presenza perché sì” sono state scelte irresponsabili) non toglie che abbia scelto la strada più comoda, più sbagliata e che più ha determinato fratture, dubbi, rabbia, rassegnazione e sfiducia nella nazione; ma soprattutto l’erosione di diritti che davamo per scontati.

          No, non sono d’accordo… la campagna di vaccinazione è stata un fiasco in termini di organizzazione e comunicazione. Si poteva fare meglio, per convincere le persone che avevano molte domande - e soprattutto quelle che avevano timori - e anche per tutelare di più chi voleva vaccinarsi, visto che lo faceva sotto la propria responsabilità con la compilazione di un modulo di consenso e di un’autodichiarazione: vi ricordo che abbiamo l’FSE e con il codice fiscale si poteva avere tutta la documentazione senza troppa fatica e valutare davvero se la persona interessata a vaccinarsi poteva davvero procedere con la vaccinazione o se era meglio aspettare di avere più dati in mano. Inoltre, il fatto che la campagna di vaccinazione stessa fosse obbligatoria, e non su base volontaria o di merito dopo una valutazione medica decente, rendeva tutto ancora più discutibile… Tanto che la quarta dose ha avuto un impatto mediocre perché i media stavano già parlando d’altro. Forse è stata efficace solo sulla prevenzione, ma questo lo diranno i dati e i vari studi fra anni se non decenni… Qui invece mi trovi d’accordassimo.

          Un “crimine” politico i cui autori probabilmente non verranno mai condannati e che anzi, temo, sandirà un facile modello per i governi prossimi.

          Ti informo che è stata avviata un’indagine da parte della Procura europea (EPPO) sull’acquisto dei vaccini COVID-19, che riguarda tutti i membri dell’UE, quindi la giustizia fa il suo corso e l’ingiustizia o la criminalità alla lunga fallisce sempre.

          Non sono in grado di fornire risposte, ma per provare a inquadrare la questione, ti accenno solo al fatto che dietro a quella società editoriale ci sono persone vicine a Fabrizio Rondolino, il quale, ex uomo ombra di D’Alema e oggi fervente Renziano della cerchia più stretta, siede anche nel direttivo di una delle editrici collegate…

          Quindi non è vero che ha influenze politiche e questo video deve essere smentito?

          (DV Network è la stessa casa editrice che pubblica l’indipendente e che pubblica Dolcevita) Considerando la linea editoriale che tengono all’indipendente, tutto mi sarei aspettato tranne che trovare quel personaggio. Ma dopo la pubblicazione delle intercettazioni in cui Rondolino suggeriva ai rignanos la manipolazione di un certo elettorato per demotivarlo, ho avuto l’impressione che quella iniziativa editoriale fosse parte del “piano”. Se non è chiaro quello cui sto riferendomi, ecco il link in questione: https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/11/14/dopo-il-m5s-ce-solo-lastensionismo-la-frase-di-rondolino-e-agghiacciante-ma-sono-daccordo-vi-spiego-perche/6390271/ Ricorda “Non dobbiamo perdere tempo a riconquistare l’elettorato: dobbiamo spingerlo a non votare più” Un piano riuscitissimo, va detto! Non credo che Rondolino punti al target “grillino” per ottenere voti, ma che voglia allevare un pubblico simil-grillino, un po’ più istruito e preparato e la media per profilarlo, allontanarlo dalla “fonte” dell’apparato informativo del MoVimento, apparato informativo oggi estremamente disorganizzato, e sfruttarlo al momento giusto.

          Questo è molto interessante, sapevo che Andrea Legni e Matteo Gracis erano coinvolti, ma non sapevo che ci fosse anche Fabrizio Rondolino… questo mi fa mettere in discussione diverse cose, soprattutto farò un approfondimento personale sulla questione, oltre a rivalutare la fonte con un occhio ancora più attento. Grazie mille!

          • PoliversoMA
            link
            32 years ago

            condivido le critiche della “giornalista” (in realtà è una blogger) alla linea politica del governo, benché sia opportuno contestualizzarle e, soprattutto, riconoscere che il governo ha ottenuto il risultato che dal punto di vista sanitario è stato migliore.

            Mi permetto di dire che secondo me è stato meglio solo per il governo, o per l’UE, ma non per i cittadini o per alcune industrie - intendo soprattutto aziende o imprese locali

            Infatti ho detto che il governo ha ottenuto il risultato che dal punto di vista sanitario è stato migliore

            la campagna di vaccinazione è stata un fiasco in termini di organizzazione e comunicazione.

            Non posso essere d’accordo con te: la campagna di vaccinazione è stata un’impressionante prova di capacità logistica, uno sforzo di cui non credevo l’Italia fosse del tutto in grado di svolgere così bene. Sulla comunicazione si poteva fare meglio ok (ma non c’era neanche tutto questo bisogno di farlo, dal momento che il vaccino era diventato obbligatorio di fatto)

            Ti informo che è stata avviata un’indagine da parte della Procura europea (EPPO) sull’acquisto dei vaccini COVID-19

            Ma io non mi riferivo alle eventuali irregolarità nella stipula dei contratti, ma alla nostra gestione dell’ordine pubblico, del lavoro, della libertà di circolazione, dei provvedimenti di contenimento.

            Quindi non è vero che ha influenze politiche e questo video deve essere smentito?

            Beh, ma quella è pubblicità! :-) Pubblicità da parte di un canale che si rivolge allo stesso target…

            E poi, chi sono io per smentirli? In ogni caso l’indipendenza non è condizione sufficiente per la correttezza. E non è neanche una condizione necessaria

            farò un approfondimento personale sulla questione

            Ottimo!

            • iam0dayOPM
              link
              1
              edit-2
              2 years ago

              Infatti ho detto che il governo ha ottenuto il risultato che dal punto di vista sanitario è stato migliore

              Si d’accordo ma sempre migliore per loro, perché noi cittadini e imprese abbiamo dovuto fare sacrifici…

              Non posso essere d’accordo con te: la campagna di vaccinazione è stata un’impressionante prova di capacità logistica, uno sforzo di cui non credevo l’Italia fosse del tutto in grado di svolgere così bene.

              Per quanto riguarda la logistica, non ho nulla da dire, ci sono stati alcuni intoppi a causa di alcuni atti di vandalismo… Questa parte della gestione dell’organizzazione è stata perfetta sopra le aspettative anche per me, soprattutto perché il trasporto è stato affidato a PosteItaliane. Mi riferivo piuttosto all’organizzazione a livello generale degli HUB vaccinali, che secondo me era molto confusa e inoltre ad ogni nuova vaccinazione cambiava qualcosa in peggio, almeno da me. Però per la prenotazione delle vaccinazioni potevano farti scegliere almeno la data: anche se potevi andare in qualsiasi momento purché fosse lo stesso giorno, ovviamente finché era aperto l’HUB vaccinale.

              ma non c’era neanche tutto questo bisogno di farlo, dal momento che il vaccino era diventato obbligatorio di fatto

              C’era assolutamente bisogno, anche se era obbligatorio, di una comunicazione capillare. E ho spiegato le ragioni, perché la maggior parte delle persone non voleva vaccinarsi a causa di paure infondate, e ci sono stati anche episodi che hanno creato precedenti molto gravi. È successo che alcuni abbiano addirittura cercato di corrompere chi faceva le vaccinazioni pur di non farle, naturalmente in mezzo alla frenesia mediatica alcuni episodi sono stati accertati con indagini (prove video e intercettazioni legali) e hanno fatto scattare addirittura le forze dell’ordine, quindi presumibilmente fino a prova contraria sono episodi successi veramente.

              Beh, ma quella è pubblicità! :-) Pubblicità da parte di un canale che si rivolge allo stesso target…

              Il target di riferimento è quasi certamente quello, ma non lo vedo come un canale di notizie malevoli e disinformativo (tranne qualche errore che viene subito corretto) perché con i suoi video divulga cose molto interessanti. Tra i migliori canali di YouTube Italia, dopo Link4Universe e Geopop secondo i miei gusti.

              E poi, chi sono io per smentirli? In ogni caso l’indipendenza non è condizione sufficiente per la correttezza. E non è neanche una condizione necessaria

              Non siamo nessuno, ma cosa resta? L’informazione in Italia è questa, alcuni si distinguono per la trasparenza e per scrivere in un italiano decente… Altri sono sfruttati per la propaganda politica che censura chi osa dire le cose come stanno realmente o chi cerca di fare informazione non di parte. Secondo me siamo rimasti solo noi che se scriviamo in un blog ci sarà sempre qualcuno che ci etichetterà ad un partito anche se siamo apolitici, l’Italia è in questa situazione di stallo purtroppo.

          • skarikoA
            link
            32 years ago

            No, non sono d’accordo… la campagna di vaccinazione è stata un fiasco in termini di organizzazione e comunicazione. Si poteva fare meglio, per convincere le persone che avevano molte domande - e soprattutto quelle che avevano timori - e anche per tutelare di più chi voleva vaccinarsi, visto che lo faceva sotto la propria responsabilità con la compilazione di un modulo di consenso e di un’autodichiarazione: vi ricordo che abbiamo l’FSE e con il codice fiscale si poteva avere tutta la documentazione senza troppa fatica e valutare davvero se la persona interessata a vaccinare poteva davvero procedere con la vaccinazione o se era meglio aspettare di avere più dati in mano. Inoltre, il fatto che la campagna di vaccinazione stessa fosse obbligatoria, e non su base volontaria o di merito dopo una valutazione medica decente, rendeva tutto ancora più discutibile… Tanto che la quarta dose ha avuto un impatto mediocre perché i media stavano già parlando d’altro.

            Col senno di poi ci possono essere tanti se e tanti ma, intanto nel momento più importante almeno il 90% della popolazione a cui la vaccinazione spettava (gli over 12 principalmente) ha completato il ciclo vaccinale.

            Un 10% mi sembra assolutamente in linea con l’essere umano, sarà lo stesso 10% che non vaccinava i figli contro il morbillo. È una percentuale fisiologica, dubito davvero si possa fare di meglio (senza vaccinazioni coatte, ovviamente).

            Serviva vaccinarsi, vaccinarsi in tanti e farlo subito. Ci si è affidati a dati e a percentuali che parlavano di maggiori benefici che rischi per la stragrande maggior parte della popolazione. Quello che chiedi tu avrebbe richiesto uno sforzo (anche economico) decisamente maggiore. D’altronde solamente a un numero irrisorio (statisticamente) di persone il vaccino era decisamente sconsigliato.

            Esperienza personale (per quel che vale): soffro di allergie (ma non ai vaccini, quantomeno per ora). Ho fatto la prima dose e avendo avuto una leggerissima e quasi impercettibile reazione, mi hanno tenuto in osservazione e tutte le dosi successive me le hanno fatte fare in ambito ospedaliero con mini-profilassi cortisonica.

            Si poteva fare tutto meglio? Boh forse sì. Ricordo però che era un’emergenza, un fatto pressoché inedito, che la gente moriva e che un numero impressionante di persone veniva intubata e serviva ridurre velocemente e drasticamente il peso sugli ospedali.

            • iam0dayOPM
              link
              1
              edit-2
              2 years ago

              Col senno di poi ci possono essere tanti se e tanti ma, intanto nel momento più importante almeno il 90% della popolazione a cui la vaccinazione spettava (gli over 12 principalmente) ha completato il ciclo vaccinale. Un 10% mi sembra assolutamente in linea con l’essere umano, sarà lo stesso 10% che non vaccinava i figli contro il morbillo. È una percentuale fisiologica, dubito davvero si possa fare di meglio (senza vaccinazioni coatte, ovviamente).

              Vedo questo risultato come un’ottima risposta per dimostrare alla politica che non siamo tutti ignoranti, ma il problema è ancora quella percentuale che rimane. Persone che per motivi di salute non possono vaccinarsi sono molto più a rischio e dobbiamo assolutamente risolverlo, per non parlare delle persone del terzo mondo, che non va sottovalutato perché se finiamo di vaccinare anche quella popolazione, l’impatto sarà molto significativo.

              Serviva vaccinarsi, vaccinarsi in tanti e farlo subito. Ci si è affidati a dati e a percentuali che parlavano di maggiori benefici che rischi per la stragrande maggior parte della popolazione. Quello che chiedi tu avrebbe richiesto uno sforzo (anche economico) decisamente maggiore.

              Sì, sono d’accordo che serviva assolutamente vaccinarci, in fondo abbiamo pregato perché i vaccini arrivassero, il problema è stato farlo subito senza porsi le domande giuste… L’Italia nel settore farmaceutico è un’eccellenza e ha regole molto severe per quanto riguarda l’approvazione dei farmaci, che è la più lenta tanto che hanno proposto di adottare la metodologia della rolling review. Sono d’accordo che i tempi si sono dimezzati perché c’è stato un coinvolgimento mondiale tra università, settore privato e pubblico… Ma secondo me si è andati troppo oltre per la rapidità e purtroppo ne stiamo pagando le conseguenze.

              D’altronde solamente a un numero irrisorio (statisticamente) di persone il vaccino era decisamente sconsigliato.

              È questo che ti deve fare riflettere: perché pensi che ipoteticamente la maggior parte delle persone non potesse fare il vaccino? Secondo me di certo non perché fosse dannoso per loro.

              Esperienza personale (per quel che vale): soffro di allergie (ma non ai vaccini, quantomeno per ora). Ho fatto la prima dose e avendo avuto una leggerissima e quasi impercettibile reazione, mi hanno tenuto in osservazione e tutte le dosi successive me le hanno fatte fare in ambito ospedaliero con mini-profilassi cortisonica.

              Non c’è nulla da dire, il personale che ho incontrato anch’io va assolutamente premiato perché ha fatto un lavoro eccellente. In Italia non ci si può lamentare, nella maggior parte delle regioni questo è il livello dell’apparato.

              Si poteva fare tutto meglio? Boh forse sì. Ricordo però che era un’emergenza, un fatto pressoché inedito, che la gente moriva e che un numero impressionante di persone veniva intubata e serviva ridurre velocemente e drasticamente il peso sugli ospedali.

              Se solo avessero aggiornato seriamente il piano pandemico, e avessero fatto un lockdown volontario fin dall’inizio con l’adozione di mascherine all’aperto e in luoghi pubblici chiusi e distanziamento preventivo subito dopo i primi casi in Cina… Forse la situazione sarebbe stata molto migliore a quest’ora. Il problema è che non abbiamo agito in tempo, se fossimo stati un po’ più furbi ci saremmo resi conto subito della gravità della situazione e avremmo potuto agire immediatamente subito dopo i casi o solo all’unico caso accertato. Infatti, a mio avviso, il COVID circolava sicuramente da molti mesi e il virus è mutato in una variante infettiva che ha sicuramente scatenato la pandemia che conosciavamo nel 2019.

              Dopo tutto, i coronavirus sono stati studiati per anni, e anche sull’efficacia delle maschere ci sono stati studi che, a quanto pare, abbiamo mandato al quel bel paese.

      • @ilpk94
        link
        2
        edit-2
        2 years ago

        Sono curioso… Perché non da bufale.net? 🤔 È un sito affidabile

        • PoliversoMA
          link
          22 years ago

          Sì, è un sito affidabile e la loro blacklist è ben fatta (e se ci hai fatto caso, è quella utilizzata da questa comunità). Spesso però anche io cito la blacklist di Butac e non quella di Bufale.net, ma scelta è dovuta principalmente al fatto che la lista di Butac è (se non sbaglio) precedente ed è un po’ l’archetipo delle blacklist sull’argomento.

          Ti ricordo comunque che noi amministratori/moderatori non intendiamo la blacklist come uno strumento di censura e promozione del pensiero unico, ma come uno strumento facilitatore, un campanello d’allarme che mettiamo a disposizione dei nostri ospiti e di noi stessi.

          Lo sforzo che è stato fatto per redigere quelle che possono sembrare brutte liste di proscrizione è invece frutto un’iniziativa di ricerca molto approfondita e non priva di rischi (querele, liti temerarie, provvedimenti di sequestro del sito che peraltro Butac ha subito spesso) che è importante valorizzare

          • @ilpk94
            link
            32 years ago

            Sì sì, era solo una mia curiosità. Qualunque fosse stato il motivo non avrei avuto obiezioni. Domanda Risposta Ok 👍🙂

        • iam0dayOPM
          link
          12 years ago

          Perchè Butac non mi piace, semplicemente.

  • @ilpk94
    link
    2
    edit-2
    2 years ago

    Mi reputo fortunato ad avere per mamma un’infermiera professionale. C’è stato un periodo in cui le facevo domande, per sapere se una cosa era vera o falsa. Non la notizia in se, ma riguardo all’efficacia dei vaccini, al sistema immunitario, a come funziona il nostro corpo.

    • iam0dayOPM
      link
      12 years ago

      È una cosa bellissima, la condivisione della conoscenza supera qualsiasi fake news o addirittura l’ignoranza… In quel periodo sono stato tutto il tempo a fare il fast-checking per cercare contro-risposte alla marea di stronzate che sono state propinate. Ma gli interrogativi non vanno mai sminuiti, bisogna tenerli in considerazione secondo me.

  • @Gen
    link
    1
    edit-2
    1 year ago

    deleted by creator