Mi piacciono le belle storie, i fantasmi e i viaggi nel tempo e nello spazio. Mi trovi su Mastodon, Friendica e Overthegame.it

  • 22 Posts
  • 112 Comments
Joined 4 mesi fa
cake
Cake day: mag 13, 2022

help-circle
rss

Refreshato più volte, stava sempre al 100% e anche dopo averlo lasciato una bella manciata di minuti quando mi sono deciso a ricaricare del tutto la pagina non aveva comunque importato nulla. Comunque non è un problema. Avevo caricato poche recensioni e avevo inserito le info dei libri in Open Library. Farò copia/incolla delle recensioni e i libri si pescano facilmente.


Io ho provato a esportare la libreria in csv da Bookwyrm e importarla come CSV OpenLibrary in Lore, ma nonostante arrivi al 100% resta a lungo su “importazione” e la freccetta continua a girare per indicare che sta ancora lavorando. L’ho lasciato così per un bel po’, ma non succede nulla. Qualcuno ci ha provato e sa come risolvere il guaio? Volevo proprio provare la migrazione a un altro account e questa è l’occasione giusta. Male che vada resto su Bookwyrm e seguo tutti quelli che mi interessano su Lore da lì.


Oh, mannaggia. È svenuto nella notte, mi sa! Ho aggiornato il link. Grazie!


È molto grave se ho capito il contenuto leggendo solo il titolo? 😂


Esiste un aeroplanino piccino picciò, che vola davvero, con a bordo un pilota, ma non serve a null'altro che a entrare nella classifica del Guinnes dei primati. È lo **Starr Bumble Bee II**, un trappolino giallo che ha volato nel 1988 ed è stato progettato appositamente per essere l'aereo più piccolo del mondo e ottenere così l'ambito riconoscimento mondiale. L'ho scoperto per caso stasera e me ne sono innamorato subito da quanto sia adorabilmente sgraziato. Ora è conservato al museo Pima Air & Space in Arizona. Ecco [la sua scheda](https://pimaair.org/museum-aircraft/starr-bumble-bee/). Per vedere quanto sia orrendamente bellissimo: [https://yewtu.be/watch?v=yH32NHRYG60]( https://yewtu.be/watch?v=yH32NHRYG60) > Immagine di Rseinc distribuita in licenza [CC BY-SA 4.0](https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0/)
3

Da qualche tempo si parla de ***La mascella di Caino***, un caso editoriale a mio parere interessantissimo. Un giallo con sei assassini e sei vittime con le pagine tutte mescolate. Per comprendere la storia occorre letteralmente tagliare le pagine e rimetterle in ordine. Non è come un puzzle dove basta trovare prima "i bordi" e poi riempire il centro, perché ogni pagina è studiata per iniziare con una frase e concludersi con un punto. Ciascuna ha anche uno spazio dove fare eventuali annotazioni. # Premio C'è anche un concorso che scade a novembre con un premio per chi riuscirà a risolverlo. L'editore italiano ha seguito la stessa idea avuta al momento della pubblicazione originale nel 1934. # Adattamento difficile C'è chi dice che in italiano sia ancora più complicato da risolvere perché ci sono dei giochi di parole importantissimi che non possono essere tradotti fedelmente, ed è possibile così perdere alcuni indizi. Per questo ho messo il link all'intervista ai traduttori. # Ci provereste? Qualcuno si è già messo alla prova? Vi piacerebbe provare? A me intriga parecchio, sinceramente.

E se la copertina richiama i Goonies è ancora meglio!




Miyazaki, acquerelli e modellismo
Ancora Hayao Miyazaki, sì. Questa volta con un articolo che tratta alcuni fumetti per una rivista di modellismo realizzati tra il 1984 e il 1992. Si possono trovare influenze che sarebbero sfociate in *Porco Rosso* e *Si alza il vento*. Alcune di queste tavole si possono vedere, tradotte in italiano, al [museo di Volandia](https://www.animeclick.it/news/25207-kaze-tachinu-di-hayao-miyazaki-a-volandia), vicino a Malpensa.

Questa mostra sembra molto interessante a Torino. Riporto lo strillo e l'attacco dell'articolo: **Da Kandinsky a ICO tra contaminazioni, ispirazioni e accostamenti, una mostra fuori dagli schemi alla Reggia di Venaria.** Quanta arte c’è nei videogiochi? Un controverso connubio che si tramuta spesso in un acceso dibattito in qualunque momento si lanci questo strale nelle discussioni. Mettendo da parte congetture, retorica e tesi varie ed eventuali, c’è qualcuno che ha deciso di dare forma a questo binomio e spiegarne l’intensa commistione.

Sto recuperando Ultima IV, che si trova gratuitamente su [Gog.com](https://www.gog.com/game/ultima_4). Questa grafica così sobria, dopo qualche tempo per farci l'abitudine, mi sta piacendo molto. Trovo che sia un ottimo trampolino per lavorare di fantasia. Ma quanto sono belli i dialoghi? In carcere: **Qual è il tuo impiego?** > Divoro le persone che mi infastidiscono. **Come ti senti?** > Affamato! Ah. Quindi stai per mangiarmi? Tolgo subito il disturbo! Inquietantissimo e meraviglioso!

L’uso delle navi è stato leggermente migliorato rispetto ad AC3 e Black Flag e sì, i combattimenti non aggiungono nulla di nuovo, solo che la storia è raccontata dal punto di vista dei Templari.


Io per questioni anagrafiche mi sono avvicinato a Wonder Boy solo col Monster World su Sega Mega Drive. Mi piacerebbe provare anche i precedenti.


Sì, è Ubisoft e anch’io ho adorato Black Flag. Mi stava piacendo anche Rogue, ma me l’avevano prestato e a un certo punto ho dovuto ridarlo indietro perché non avevo più tempo per giocarci, così è rimasto incompleto.


Dopo due anni di pausa causa pandemia è tornato l'***Annuario del Fumetto***. Questo appuntamento annuale, insieme a *Fumo di China*, credo siano i modi migliori per informarsi sul panorama fumettistico italiano e internazionale perché la redazione è composta da persone competenti oltre che appassionatissime. Li ho conosciuti anche personalmente qualche anno fa quando ho collaborato nell'organizzazione di una mostra per Cartoon Club in occasione di Riminicomix. Voi li leggete? Invito a non lasciarsi intimorire dal prezzo dell'annuario, perché c'è dentro un mucchio di roba che non si trova altrove. Sul loro blog hanno raccolto **[tutti i contenuti](http://ilblogdifumodichina.blogspot.com/2022/07/annuario-del-fumetto-2022-in-edicola-e.html)**.
3

Credo che la Borsa del Fumetto esista da prima che avessero inventato i fumetti 😂 Però, ecco, per un giargiana come me e i miei amici era piuttosto complicato andare spesso fino a Milano a quell’età.


Aggiungo una nota sentimentale. L’articolo parla di boom e numeri basandosi sui dati di vendita, ma non si parla invece di quello che i lettori cercavano prima di dieci anni fa. Manga come One Piece, Naruto, Inuyasha, Saiyuki, Nana, e sicuramente ne dimentico una valanga, spopolavano già molto prima, solo che era più difficile reperirli. Per gli adolescenti erano storie e disegni molto più appetibili che i Bonelli. Il mercato e soprattutto le librerie sembrano essersi accorti solo recentemente del tesoro che offre il fumetto orientale e soprattutto dell’esercito di potenziali lettori di fumetti persi per strada. A parte i super eroi, sembra che per anni l’editoria a fumetti italiana fosse convinta che finite le elementari i bambini diventassero subito adulti. Era davvero difficile trovare qualcosa di interessante e vario per l’età intermedia.


Sarà che a me i pirati piacciono a priori e che *Skull and Bones* mi ha colpito fin dall'annuncio. Sapere che non sarà un gioco con una narrazione ferrea ma che ciascuno potrà creare la propria storia fa crescere ulteriormente il mio livello di curiosità. Eppure [ci sono degli sviluppatori che si dichiarano scettici](https://www.eurogamer.it/news-skull-and-bones-manca-profondita-sviluppatori-difficilmente-successo). Voi cosa ne pensate?

Giustamente dopo tutti questi anni ci sta che lo Scumm Bar abbia cambiato insegna. Pochi secondi di meraviglia. 🤩


È incredibile come certe cose mi diano una gioia selvaggia e allo stesso tempo mi chiedo: "ma perché?" Il cuore fa a botte con la testa, letteralmente. Non lo prenderò mai, però è bellissimo.

Che belli tutti! Molti li conosco solo per fama, purtroppo. Io avevo i luoghi ben precisi dove trovare certi titoli. Giocavo a Cadillac e Dinosauri e Puzzle Bobble in oratorio nel mio paesello, Street Fighter II al baretto della spiaggia e quando arrivavano le giostre in paese. Metal Slug non ricordo perché negli anni si è presentato in tutte le salse tra arcade e console. Crazy Taxi su PC perché era incluso in un bundle Sega su Steam, ma l’ho abbandonato subito, credo fosse molto più divertente giocato in sala giochi col volante.


Torna al cinema Porco Rosso, un film di aviazione e importanti riflessioni
Hayao Miyazaki non ha mai nascosto la propria passione per l'aeronautica. Lo dimostra la presenza massiccia di oggetti volanti, tra aeroplani e altri "cosi" in moltissimi suoi film, anche in quelli non strettamente legati all'aeronautica. Lo studio di animazione stesso si chiama *Ghibli*, il nome di un vento, nonché soprannome di un [aereo italiano](https://it.wikipedia.org/wiki/Caproni_Ca.309). Una celebre frase del protagonista viene spesso condivisa online il venticinque aprile, uno schiaffo in faccia contro ogni forma di regime. Il tema generale del film, però, è proprio la libertà, come recita il titolo dell'articolo. Consiglio: il film che quest'anno celebra il trentesimo anniversario verrà proiettato in [alcuni cinema](https://www.studioghibli.it/rassegna-un-mondo-di-sogni-animati/) dal 1 al 7 agosto. Una bella occasione da non perdere, a mio parere.

Nella mia testa la primavera e l'estate sono stagioni da dedicare al genere fantasy. Sarà stata "colpa" della mia insegnante di italiano delle scuole medie, così lungimirante da aver inserito *Lo Hobbit* tra i consigli di letture estive. Verso la fine degli anni Novanta, quando il grande pubblico non aveva minimamente idea che si stessero preparando dei film sul *Signore degli Anelli*, ero andato a cercare i libri proposti in una libreria vecchio stampo, con una gentilissima libraia vecchio stile. Quando le ho proposto la lista mi ha sorriso: "Credo che questo ti piacerà." Mi accompagna tra gli scaffali ed estrae questo libercolo grigio con un drago in copertina. Mi è piaciuto moltissimo. ![Lo Hobbit in versione tre volumi](https://feddit.it/pictrs/image/352b7d73-c878-42f1-a8fc-3332e3573352.jpeg) Voglio un gran bene a questa edizione, perché era così come la vedete fin dal principio. Questo difetto mi ha fatto innamorare del libro perché sapeva di avventura. Lo ritengo un'edizione più che unica proprio perché mi ha dato questa sensazione. Ci ho ripensato solo adesso perché non vedo l'ora di tornare nella Terra di Mezzo da quando è stato rilasciato il trailer completo de *Gli Anelli del Potere*. Voi avete qualche libro "difettoso" al quale volete bene?

Ho in serbo due righe anche su Wings. Sia sulla versione remaster recente sia sulla mia mezza disavventura di parecchi anni fa proprio con la versione per Amiga.


Ma che bello! Tu e @Filippodb@feddit.it mi state facendo venire una gran voglia di emulare Amiga!


Ma che bella esperienza! E complimenti anche da parte mia allora! 😃


Ma che bello!! Hai provato quello che riproduce anche il movimento o quello statico?


Immagine dal post di [Anatoly Shashkin](https://mastodon.social/@dosnostalgic/108607380031478874) Non saprei dire se fosse proprio questa versione o la successiva, ma ricordo che feci da copilota a un amico di mio papà che ci giocava su Windows 95. In un breve volo da un aeroporto all'altro mi aveva mostrato come leggere i comandi, e a rispettare il piano di volo. Mi ricordo una grafica del genere. Questo è stato il mio primissimo impatto. Poi per conto mio ho provato più avanti *Flight Simulator II* su Atari XE ma i comandi erano così lenti e il rendering così approssimativo che l'ho abbandonato presto. Avevo in casa Atari quando nel mondo si affacciava PlayStation, quindi si sentiva bene il peso degli anni. Però ho conservato gelosamente [il libretto di istruzioni](https://pixelfed.uno/i/web/post/426138823283532765), che è stato il mio primo vero libro di aerotecnica. Quando ho avuto un PC decente ho giocato a [*X-Plane*](https://www.x-plane.com/) e poi su Virtual Console della Wii mi sono divertito da matti con [*Pilotwings*](https://www.nintendo.it/Giochi/Super-Nintendo/Pilotwings-775615.html), ora disponibile anche nel pacchetto SNES di Switch e sul Super Nintendo Mini. C'è qualche pilota virtuale in ascolto? Con cosa avete cominciato?

Fantastico!! L’ho condiviso anche con altri amici appassionati e l’hanno apprezzato tutti.


Tanti auguri Final Fantasy IX
Pubblicato in Giappone su PlayStation il 7 luglio 2000, *Final Fantasy IX* compie oggi 22 anni. Ci tenevo a ricordare qui il mio capitolo preferito della saga, che ho divorato su dischi e che ho ricomprato su Steam per avvalermi dei bonus della nuova versione per godermi meglio la storia. Insieme al VI è quello che mi ha regalato maggiori emozioni, persino più del VII. Voi che rapporto avete con la saga?

Credo dipenda sempre dal contesto. Non dice che non si parlerà mai più di Monkey Island fino all’uscita, ma che chiuderà i commenti sul proprio blog personale, che tra l’altro si chiama Grumpy Gamer. E un giocatore burbero ha tutto il diritto di fare quello che gli pare sui propri spazi, anche mettere il broncio, soprattutto dopo ripetuti attacchi personali. Tiene quel blog per pura cortesia verso i fan, non è una forma di comunicazione istituzionale. Ecco l’articolo che include il commento sulla chiusura dei commenti. La pagina è luuuuuuunga. Bisogna fare una ricerca sul testo per trovarlo: “I’m shutting down comments.”


Sono perfettamente d’accordo con l’articolo. È un vero peccato che Eternal Darkness sia recluso solo al GameCube. All’epoca dell’uscita, nel 2002, era a mio parere l’unico titolo capace di rivaleggiare davvero con Resident Evil e Silent Hill. Per certi versi credo si sia spinto anche oltre. Un bel remaster o remake, come è di moda fare adesso, mi piacerebbe moltissimo.

Stra-consiglio questo podcast che racconta aneddoti e storie dietro lo sviluppo di molti videogiochi. A mio parere molto ben realizzato. L'ho scoperto grazie alla newsletter [Insert Coin](https://www.getrevue.co/profile/InsertCoin).
3

Durante il periodo delle vacanze pasquali, non so come mai, mi è rispuntato il pallino per una mia antichissima passione: *Yu-Gi-Oh!* Sono andato a riaprire i vecchi scatoloni e ho riguardato le carte, che non ricordavo fossero così piccole (forse ho le mani più grandi io oggi?). Comunque, mi sembrava stranissimo che non esistesse un gioco online, e l'ho trovato! *[Yu-Gi-Oh! Master Duel!](https://www.konami.com/yugioh/masterduel/eu/en/)* Da giocatore della prima ora mi sono trovato estremamente spiazzato con tutte le meccaniche nuove che hanno introdotto, ma sono rimasto piacevolmente sorpreso da quanto mi ricordassi ancora delle regole, dato che ci giocavo nei primi anni Duemila. Il tutorial introduttivo è semplicissimo per capire le nuove meccaniche... ma non le ho fatte mie. Bensì arrivando in fondo al tutorial e disputando qualche partita online, nelle prime di queste venendo amabilmente fatto a pezzi da ragazzini giapponesi, ho guadagnato qualche credito per acquistare in gioco delle buste e così ho modificato il deck base aggiungendo le carte senza particolari poteri che però conoscevo bene. E ho cominciato a vincere anche online! Se qualche ex duellante o giocatore attuale volesse provarlo, lo consiglio per qualche partita rilassante.

Scusate, sembro affiliato a Gog, ma giuro che ricevo solo le newsletter. Segnalo *[World of Goo](https://www.gog.com/game/world_of_goo)* scontato sullo store digitale perché è davvero un grandissimo esempio di come un'idea semplice si trasformi in un gameplay solidissimo e tremendamente divertente. Anche la direzione artistica e la musica sono a mio parere strepitosi. Inoltre, questo gioco è stato sviluppato da due ragazzi, non da un grandissimo team, proprio quelli che vengono chiamati "bedroom coders" o programmatori da cameretta. La cosa che mi ha particolarmente colpito sui due è che hanno sempre avuto un rapporto molto diretto col pubblico, ascoltando e rispondendo ai pareri dei giocatori. Lo consiglio caldamente.

Inauguro la comunità in quest'ora della notte indagando sulle origini del vostro interesse per il volo. Quando avete avuto il primo impatto con l'aviazione che vi abbia fatto dire: "Che bello"? La mia prima vera emozione con il volo l'ho provata negli anni Novanta, quando all'aeroporto militare di Cameri, in provincia di Novara, eseguivano i *Voli notturni.* Una coppia di F-104 decollava di notte simulando lo *scramble*, ovvero l'allarme intercettazione. Ovviamente io non ero a bordo, ma tra gli spettatori. Il rombo dei motori potentissimi di quegli apparecchi e vedere le lunghe fiammate che si alzavano nel cielo avevano un fascino potentissimo agli occhi e alle orecchie di un bambino. Per non parlare dei passaggi sulla pista, così veloci che prima li vedevi passare e poi li sentivi. Il mio primo effetto wow a tema è proprio quello. In foto: uno *Spillone* in servizio a Cameri. Dall'archivio del [Circolo del 53° Stormo](https://www.circolodel53.it).

O di quella volta che Terry Brooks mi chiese un selfie insieme a lui. Ero a un incontro stampa con l'autore a Lucca Comics & Games 2016. A fine incontro molti giornalisti sono andati a chiedergli autografi e foto. Io avevo letto solo un paio di libri di Shannara, il primo non mi aveva nemmeno entusiasmato granché, perciò non posso proprio definirmi un fan. Per uscire doveva passare tra le sedie in mezzo al pubblico, perché eravamo in una saletta piccolina. Io mi ero semplicemente alzato per lasciarlo passare e l'ho salutato. Lui ha viso la mia collega vicino a me con la macchina fotografica in mano e mi ha chiesto se volessi una foto. Non era quello il mio intento, ma potevo rifiutarmi? È stato così adorabile! A voi è mai successo qualcosa di simile? E se avete incontrato degli autori che ammirate come vi siete comportati? Io mi mangio ancora le mani al pensiero di essermi perso l'unica tappa europea di Stephen King a Parigi per la promozione di Doctor Sleep qualche anno fa.
2

Una comunità sul volo?
La visione di Top Gun Maverick e la visita a Volandia mi hanno fatto pensare che potrebbe essere interessante aprire una comunità dedicata all'aviazione. Il volo è il sogno dell'uomo da sempre! Inviterei a condividere consigli, recensioni o considerazioni su film e libri a tema volo, modellismo, aneddoti o esperienze di volo, videogiochi e simulazioni. Siccome inevitabilmente l'industria bellica è stata determinante nello sviluppo di certe tecnlologie, soprattutto durante il fascismo, inviterei a trattare questi argomenti attenendosi strettamente alla contestualizzazione storica, senza esaltare né il regime né l'impiego come armi, ma concentrandosi solo sul piacere del volo e sulla raffinatezza tecnologica di queste macchine. Come titolo ipotizzerei "Tra le nuvole" con url "!aviazione". Che ne pensate?

Lo so, lo so. Chiedere di scegliere **un solo libro** in mezzo a tutti quelli che amiamo può indurci tutti in profondissima crisi. Se me lo chiedessero a bruciapelo probabilmente fuggirei piangendo perché non si può fare così su due piedi. Io infatti ci ho ponderato un po' prima di proporlo. Vi andrebbe di scegliere un libro che vi identifichi? Io ho scelto *Il barone rampate* di Italo Calvino. Sì, proprio questo qui, con la copertina messa alle medie per proteggerlo. Ci sono decine di titoli che conservo nel cuore, ma ho scelto questo perché riassume il tono che generalmente mi rilassa, l'autore ha origini sanremesi come me e la storia è un'avventura che da ragazzino ho trovato affascinantissima. Dai, vediamo i vostri!

Moderates